I serpenti che muoiono per troppo sesso

0
43

Morire di sesso. Sembra utopia eppure per una particolare categoria di serpenti maschi “Giarrettiera comune” è una costante realtà. Fanno sesso anche per 21 giorni di seguito, fino a morire.  Questa attività infatti è talmente intensa da far invecchiare i maschi più rapidamente e quindi farli morire prima rispetto alle femmine. Ma come è possibile?

I ricercatori della University of Sydney hanno infatti confermato come il sesso modifichi l’aspettativa di vita dei serpenti a seconda che siano maschi o femmine. Per farlo hanno analizzato la lunghezza del telomero (estremità di un cromosoma, biomarker dell’invecchiamento) dei serpenti maschi e femmine e hanno scoperto che i primi fanno più fatica a mantenere il loro corpo in buono stato finendo per invecchiare prima. Perché?

Emerge così che per questa particolare categoria di serpenti il far troppo sesso riduca la loro aspettativa di vita. Le femmine si accoppiano ogni anno, ma restano nell’orgia (il luogo in cui i serpenti si accoppiano tra loro) da uno a tre giorni, per poi andare via. I maschi invece si impegnano per un minimo di una e un massimo di tre settimane.

Il compito delle femmine è ottenere lo sperma che possono trattenere anche 15 mesi, prima di utilizzarlo per fertilizzare le uova. Il maschio, dal canto suo, deve darsi da fare per “elargire” il suo sperma il più possibile: considerando il periodo di ibernazione che dura sei mesi, ai serpenti restano solo quattro mesi per accoppiarsi, mangiare e dare alla luce i piccoli.

 

Rispondi