La bufala della “Bandiera gruppi neonazisti in caserma Carabinieri” a Firenze

0
133448
carabinieri, bandiera

Un giornale online di Firenze ha accusato l’arma dei Carabinieri che all’interno di una caserma dei carabinieri a Firenze, la Baldissera, vi sia una bandiera utilizzata dai gruppi neonazisti di tutta Europa. “Certamente, si tratterà di un militare con idee di ultradestra che nulla hanno a che vedere con l’Arma, ma si pone un problema, quando in una caserma dei carabinieri vengono appesi alle pareti simboli utilizzati da chi inneggia al razzismo e all’antisemitismo. Soprattutto se si vedono da una pubblica via”, ha affermato il giornale, ripreso poi dalle principali testate italiane tanto da coinvolgere il Ministro Pinotti.

Peccato, però, che la bandiera in questione era dell’Impero Tedesco: una monarchia costituzionale e potenza economica nata nella seconda metà del XIX secolo, che aveva delle leggi sociali, previdenziali e assistenziali più avanzate dell’epoca, opera del cancelliere Bismarck. Uno stato che aveva al suo interno una forte opposizione socialdemocratica, che in alcuni casi assumeva funzioni di governo e con un giornale satirico il “Simplicissimus” che poteva ironizzare sul Kaiser come oggi in Italia non si può ironizzare sulle tre cariche più alte della repubblica.

Il Ministro Pinotti ha affermato: “vergognoso” anche se non si capiscono i veri motivi e poi la stessa annuncia indagini sul caso.

Eppure quella bandiera usata dai Carabinieri non è nazista, bensì della kaiserlichemarine ed ha sventolato sulle navi della marina imperiale tedesca fino alla fine della grande guerra terminata nel 1918.Possiamo interrogarci su cosa ci faccia questa bandiera appesa a una caserma dei Carabinieri, ma non possiamo definirla nazista. Questa è una questione di storia.

Comments

comments