Addio a Umberto Veronesi: lo scienziato e il politico

Si è spento questa sera, all’età di 90 anni, Umberto Veronesi. L’oncologo, che il 28 novembre avrebbe compiuto 91 anni, se n’è andato nella sua casa di Milano, circondato dalla moglie e i figli.

Ricordato e apprezzato a livello internazionale nel mondo della ricerca scientifica, sarà ricordato soprattutto per la sua costante ricerca contro il tumore al seno. E’ stato ministro della sanità, dal 25 aprile 2000 all’11 giugno 2001, nel secondo governo Amato e successivamente senatore con il Partito Democratico.

Parentesi, quella politica, che – opinabile o meno – non ha certo ridimensionato l’immagine di un uomo di scienza in grado di dimostrarsi apprezzato anche da coloro i quali, gli americani, lo criticarono, per poi cambiare idea.

Veronesi, infatti, ha pesato tanto in questo ventennio, capace di consacrarlo e legarlo prima alla guida dell’Istituto Nazionale dei tumori di Milano, dal 1976 al 1994, poi dell’Ieo, l’istituto europeo di oncologia da lui stesso fondato nel 1982 e diretto dal 1994 al 2014. Il suo nome fu imprescindibilmente collegato alla scoperta, nel 1969, della “quadrantectomia”; intervento conservativo per operare il tumore della mammella. Scoperta che passò alla storia.

Veronesi si è così fatto largo tra lo scetticismo iniziale della comunità scientifica del tempo, nell’epoca in cui pochi, o nessun chirurgo oncologo, si sentivano di rinunciare alla mastectomia classica, distinguendosi della sua lotta al cancro e apportando un nuovo modo di operare le donne.

Fondatore e presidente della fondazione Umberto Veronesi, che persegue la promozione della ricerca scientifica, è stato fin dai tempi universitari un “predestinato” in campo medico oncologico. Veronesi fu infatti il primo italiano a presiedere l’Unione internazionale di oncologia e nell’80 fu presidente dell’Organizzazione europea per le ricerche sui tumori e della Federation of european cancer societies, apportando numerosi contributi alla comunità scientifica del nostro tempo.

La morte non gli faceva paura, così come le sue battaglie laiche: famose restano le sue dichiarazioni su Aushwitz e il cancro come prova che “Dio non esiste”. Tuttavia anche Veronesi alla fine ha dovuto cedere. La morte ha prevalso e di lui non sono rimaste altro che le ricerche mediche e gli studi che l’hanno reso noto a livello mondiale: quanto basta per il progresso scientifico. E non è poco.

di Giuseppe Papalia

 

Avatar
Informazioni su Giuseppe Papalia 172 Articoli
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia Romagna dal gennaio 2018, è caporedattore della testata giornalistica Secolo Trentino dove si occupa di politica e società. Ha svolto un periodo di stage presso il quotidiano "L'Arena" di Verona all'interno della redazione sport e cultura e collaborato con alcune testate locali. E' laureato in comunicazione con una tesi in sociologia della comunicazione, dal titolo: "la comunicazione nell'era dello storytelling management: la narratologia nei media come strumento di controllo di massa". E' Dottore magistrale in Editoria e Giornalismo, con curriculum in Relazioni Pubbliche e gestione dell'immagine e ha svolto una tesi in storia delle dottrine politiche con il politologo e professore Leonida Tedoldi, dal titolo: “comunicazione, politica e società nell’attività intellettuale di Pier Paolo Pasolini”. Dal 19 agosto al 19 novembre sarà impegnato in uno stage al Parlamento Europeo a Bruxelles come corrispondente giornalistico dalla capitale europea, dove si occuperà di produzione news, lanci d'agenzia, articoli, post Internet su argomenti di attualità e produzione ed editing di materiale audiovisivo come interviste, servizi e video vari. Oltre alla copertura di conferenze ed eventi vari organizzati dalle istituzioni europee.