Bisesti (Lega): “Decisione del Tribunale del Riesame non fermerà la voglia di dare un cambiamento al Trentino”

bisesti

Mirko Bisesti, Segretario Nazionale della Lega in Trentino, ha voluto commentare personalmente la decisione del Tribunale del Riesame di Genova di accogliere il ricorso della Procura sul sequestro di 49 milioni di euro alla Lega.

Bisesti ha dichiarato: “Ci svuotano i conti? Rispondiamo con il sostegno di tantissimi cittadini e organizzeremo collette di autofinanziamento. La Lega continuerà pancia a terra la campagna elettorale. La decisione del tribunale del Riesame di Genova di accogliere il ricorso della procura sul sequestro dei 49 milioni di euro della Lega non fermerà la forza propulsiva e la volontà di un popolo sovrano di dare un effettivo segno di cambiamento al nostro Trentino”.

Entrando nel dettaglio di quanto deliberato dal Tribunale del Riesame, il Segretario Nazionale della Lega ha rincarato: “La decisione è un atto illiberale e che va contro qualsiasi principio democratico perché è solamente un pretesto per attaccarci politicamente e indebolirci. Questo è un colpo assestato sulla schiena per farci barcollare, ma non sarà certamente un simile gesto a metterci in crisi anche perché sono semplicemente vicende del passato e i processi alla Storia come affermato dal nostro Segretario Federale non ci affascinano. I tentativi, da parte di persone che non amano in alcun modo la democrazia e che cercano di sabotarla, sono avvenuti anche a danno della Lega Trentino, infatti l’anno scorso ci hanno svuotato i conti correnti. Nonostante tutto, la forza e le idee prevalgono su qualsiasi forma di tirannia e il risultato del 4 marzo è nelle menti di tutti noi.”

Successivamente Bisesti ha voluto ringraziare tutti i militanti al partito e tutti coloro che quotidianamente sostengono e contribuiscono alla causa leghista. Ribadendo come la Lega sia vittima di un processo alla storia “inutile e solo pretestuoso”, Mirko Bisesti ha poi concluso ricordando come le poche risorse finanziarie a disposizione non dovrebbero essere toccate perchè prive di alcuna relazione con il passato