Casalino: “Mi fanno schifo i vecchi e i Down”. Ma era solo “recitazione”

[Photocredit: Facebook]

Hanno fatto scalpore le dichiarazioni di Rocco Casalino, portavoce del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che avrebbe affermato di “schifare” i vecchi e gli affetti dalla sindrome di Down.

È stato infatti divulgato un video di diversi secondi in cui l’ex concorrente del Grande Fratello stava pronunciando frasi come “Non voglio relazionarmi né tantomeno aiutare i Down” oppure “I vecchi e i Down mi fanno schifo, come i ragni o come i bambini” (estrapolate dal video incriminato e che trovate QUI). Frasi di una gravità inaudita, se non fosse che il video risalirebbe a diversi anni fa, quando Casalino stava tenendo una lezione di giornalismo presso una scuola di Milano: in quella determinata circostanza, l’attuale portavoce della Presidenza del Consiglio, stava dimostrando quanto fosse efficace l’uso di un linguaggio il meno “politically correct” possibile (tematiche inerenti al corso).

Nell’apparente Fake News sono cadute diverse testate nazionali, di tutte le estrazioni politiche, che non hanno avuto nemmeno il tempo di controllare che un caso analogo avvenne già quattro anni fa. Nel 2014 Casalino venne infatti contestato per aver discriminato i povere i rumeni per l’odore della pelle, riferendosi sempre ad altri video appartenenti al suo periodo di formazione presso il Centro Teatro Attivo, che però in questo caso, come si legge in un comunicato dello stesso CTA, ha smentito ogni coinvolgimento con le affermazioni dello stesso Casalino (come da lui inizialmente sostenuto sul blog delle stelle). 

A chiarire la posizione dello stesso Casalino nel video incriminato ci sarebbe un secondo video (e che trovate QUI, nella versione più estesa), girato nella stessa mattina delle frasi discriminatorie nei confronti dei vecchi e dei Down. Casalino, vestito esattamente come nel filmato portato come prova suprema della sua bestialità, avrebbe alle spalle la stessa lavagna con scritte le stesse cose e sarebbe intento a spiegare l’importanza della comunicazione diretta per l’efficacia della trasmissione di un dato messaggio.