La Ripartizione politiche sociali della Provincia informa che nei prossimi giorni verrà chiuso il centro di accoglienza per richiedenti asilo ospitato presso l’ ex Hotel Alpi di Bolzano . La struttura è stata utilizzata dal maggio 2015 come uno dei primi centri di accoglienza per i richiedenti asilo assegnati dallo Stato alla Provincia di Bolzano nel quadro delle quote di riparto regionali. Nel 2016 ha ospitato sino a 160 persone contemporaneamente. “Si tratta di un ulteriore passo nella direzione di un alleggerimento del Comune di Bolzano e di una migliore distribuzione dei richiedenti asilo sul territorio”, sottolinea l’assessora Martha Stocker. Con la creazione di strutture di accoglienza in altri Comuni altoatesini è stato infatti possibile ridurre progressivamente il numero delle persone ospitate nel capoluogo, e grazie all’attivazione delle accoglienze nel quadro dei programmi SPRAR dei Comuni, in questi giorni avrà luogo la chiusura definitiva della struttura.

In questi anni l’immobile è stato messo a disposizione gratuitamente dalla società “Signa” dell’investitore tirolese René Benko. “A questo proposito – sottolinea l’assessora Stocker – vorrei esprimere il mio ringraziamento. Soprattutto nella difficile fase iniziale dell’accoglienza è stato molto importante poter contare sulla disponibilità di questa struttura per dare una sistemazione alle persone richiedenti asilo, spesso assegnate dallo Stato alla Provincia con poco preavviso”. L’ex Hotel Alpi verrà demolito nel quadro dei lavori per la riqualificazione dell’areale della stazione delle autocorriere.