De Bertoldi “Necessario un riposizionamento paritario tra Trento e Bolzano”

0
825

Il Senatore di Fratelli d’Italia per Trento De Bertoldi ripete con fiera consapevolezza parole e promesse che erano già state il suo cavallo di battaglia durante le elezioni, ma che oggi l’opposizione ha ripreso e fatte proprie.

L’ex Senatore indipendente del PD Palermo stamattina aveva ribadito che la provincia di Trento deve “cercare di affrancarsi dalla Svp a cui dei trentini non interessa granché…” e che “occorre che il rapporto tra Svp e Trentino venga rimesso su un piano di parità…”. Palermo, pur non avendo in passato prestato attenzione alle incongruenze che caratterizzano i rapporti tra le due Province, da esponente indipendente del PD aveva così preso piena coscienza della necessità di una svolta istituzionale per riportare in parità Trento e Bolzano.

De Bertoldi sottolinea: “Se gli ultimi quindici anni hanno infatti segnato un divario profondo tra le nostre Province in quasi tutti gli indicatori economici e finanziari, sempre a danno del Trentino, ciò è dovuto al palese rapporto di sudditanza e subalternità, che, non solo il PATT, ma, ed è ben più grave, l’intero Trentino ha tenuto con Svp e l’Alto Adige. Siamo di fatto divenuti una succursale sotto protettorato, piuttosto che una periferia dell’”impero” sudtirolese. C’è voluta la netta vittoria del Centrodestra Autonomista per far emergere la necessità di un riposizionamento delle due Province in un’ottica di pari dignità.”

De Bertoldi sostiene di conseguenza l’importanza fondamentale dell’esito delle elezioni provinciali del prossimo autunno. Come portavoce di Fratelli d’Italia prefissa per sé dalla sede parlamentare e per chi vincerà il compito di restituire parità e orgoglio al Trentino.

Il cambio di direzione potrebbe davvero portare ad una svolta nei rapporti con Bolzano e con il Svp? La volontà e il desiderio di un riequilibrio di potere si fanno sentire sempre di più.