Europarlamento. Ciocca (Lega): “Ora importante essere protagonisti, non fare arredamento come in passato”

L’Europarlamentare della Lega Angelo Ciocca, divenuto famoso negli scorsi mesi per il “gesto della scarpa” nei confronti del francese Moscovici, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus.

Angelo Ciocca ha iniziato il suo intervento parlando del lavoro della Lega al Parlamento Europeo: “la capacità della Lega e di Salvini è stata quella di alzare lo sguardo verso il vero problema delle nostre generazioni. Il vero nemico è l’Europa, l’Italia ha la necessità di stare unita contro l’Europa della finanza speculativa. La vecchia Lega avrebbe fatto il gioco della finanza speculativa europea. Salvini si è fatto portatore di un nuovo messaggio che è stato capito dai cittadini italiani: teniamo il Paese unito per difenderci dalla finanza speculativa, dall’invasione degli immigrati, dal terrorismo islamico”.

Successivamente l’Europarlamentare della Lega ha trattato il delicato tema della lettera della Commissione UE all’Italia: “E’ possibile che partano lettere solo per l’Italia? Queste lettere hanno lo scopo di creare speculazione sui mercati. La Francia sfora ma nessuno le scrive. Juncker, Moscovici e i nemici dell’Italia presto non siederanno più su quei banchi. Sono sicuro che avremo un Commissario europeo che difenderà gli interessi dell’Italia. Abbiamo bisogno di poter essere protagonisti in Commissione, non di fare arredamento come ha fatto in questi anni la Mogherini”.

Infine, concludendo il suo intervento, Angelo Ciocca ha parlato anche del Governo e del suo operato: “La gente vuol vedere le cose fatte, non vuol sentire le polemiche. La gente vuole sapere cosa hai fatto e cosa vuoi fare e poi ti giudica. Non giustifico la dialettica aggressiva del M5S delle ultime settimane, oggi diventa indispensabile compattarsi sulle risposte da dare al Paese. Abbiamo una scelta: o distruggiamo questi 11 mesi di lavoro o ritorniamo ad essere produttivi su tanti obiettivi”.