Fuga M49. Fugatti: “Se M49 si avvicinerà a zone abitate, i forestali hanno l’autorizzazione ad abbatterlo”

A seguito della notizia della fuga, avvenuta nella notte, dell‘orso M49 dalla gabbia del Casteller dove era stato tradotto nelle scorse ore, il Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha rilasciato le prime dichiarazioni sull’accaduto.

Maurizio Fugatti ha dapprima ribadito come le Guardie Forestali abbiano l’autorizzazione ad abbattere il plantigrade qualora si avvicinasse a qualsiasi zona abitata.

Successivamente il Presidente della Provincia ha rincarato: “il fatto che l’orso sia riuscito a scavalcare una recinzione elettrificata con sette fili a 7.000 volt, certificata dal ministero e da Ispra, dimostra il fatto come queste esemplare fosse pericoloso e ci fosse un problema di sicurezza pubblica tale da giustificare l’ordinanza di cattura, scelta non appoggiata dal Ministero“.

Tali dichiarazioni evidenziano come la gestione dell’orso M49 continui ad essere problematica sopratutto per la natura “poco docile” dello stesso.

Sottolineando la bontà dell’ordine di cattura Maurizio Fugatti ha ribadito con forza come le misure decise per contenere l’animale siano state necessarie vista la pericolosità di M49.