Trento – “TG Regionale, h.23. La prima notizia è quella di un grosso incidente nella Galleria dei Crozi tra la Valsugana e Trento, e intervistano un uomo che era presente. Dove lo intervistano? Davanti ad una targa PD! Cosa c’entra? Niente! Rai 3 non si smentisce MAI! Infingardi e ridicoli!”. Così recita il testo di uno dei commenti trovati in rete in merito al servizio televisivo andato in onda su Rai 3 nella serata di ieri dopo il tragico incidente che ha visto coinvolto, in maniera fatale, M.A., 37 anni di Civizzano.

Durante la trasmissione del TG Regionale è stato infatti intervisto un testimone che ha assistito al tragico incidente – non si sa perché, forse per una coincidenza – di fronte alla sede del PD. Una cosa che non è però passata inosservata, con tanto di lamentele di alcuni utenti sul web esterrefatti dal fatto che, anche in queste circostanze, qualcuno – vuoi intenzionalmente o per pura casualità – abbia trovato modo di intervistare un testimone in un luogo non appropriato; ovvero dinnanzi alla sede di un partito.

Le dinamiche dell’incidente. 

Secondo le prime ricostruzioni il programmatore informatico è rimasto vittima di un fatale incidente nella Galleria dei Crozi, tra la Valsugana e Trento, travolto successivamente dalle fiamme nella sua automobile. Una Toyota Yaris di cui ha perso il controllo, andando a sbattere contro un pilone.

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco di Trento, i volontari di Civezzano e quelli di Pergine oltre alla polizia stradale, ma per A., che intorno alle 21 di un martedì qualunque aveva imboccato la galleria in direzione Trento, non c’è stato nulla da fare. Vano anche il tentativo di alcuni automobilisti di spegnere l’incendio. Propagatosi, però, troppo in fretta.

M.A., che lavorava come programmatore informatico dopo aver studiato presso la facoltà di informatica dell’Università di Trento, una volta conseguito il diploma di ragioneria, oggi lascia i genitori e un fratello.