GIOVANI SQUILLO, SOLO PER IL LUSSO

0
65

Ha messo in crisi i più arditi moralisti la dichiarazione di stamane di una delle giovani squillo del giro di Roma, che a poche ore dalla sua liberazione dalla professione, impartitagli a un’età troppo bassa per poter capire a che cosa andasse incontro, si trova più preoccupata per il dover prendere i mezzi pubblici e risparmiare i soldi, che non felice per non avere più i clienti da soddisfare. Ebbene sì, poiché tra le diverse reazioni delle persone coinvolte dalla Procura di Roma nel giro di baby prostitute, se vi sono i clienti che stanno spontaneamente depositando le dichiarazioni per scaricare parte della pena, vi sono anche delle ragazze che non sono particolarmente contente di essere state scoperte.

Il motivo? Mancano i soldi per il taxi, per il sabato sera, per il lavoro del futuro, per rinunciare al lusso. La più giovane delle baby squillo ha solo 14 anni ha rilasciato una dichiarazione molto chiara:”Verso maggio le ho detto: senti, ma magari provo a farla anche io questa cosa? La prima volta niente, sono andata, ho provato. Scandalizzata mi sono messa a piangere” ha raccontato al Pubblico Ministero. Ma poi la giovane si riprende, atteggiandosi a vera prostituta crea la sua doppia vita e supera il problema rimuovendo i rapporti con i clienti, stando alle sue stesse parole. In due giorni si guadagnano 800 euro circa. Tutto per avere cose di marca, uscire, spendere, fumare, insomma per una vita da ricchi se non si è ricchi, dove sta il confine tra la prostituzione e l’abbandono a se stesse delle adolescenti?

Comments

comments