Jerry Calà al vetriolo: “Non mi fanno più lavorare perchè non sono di sinistra”

Calogero Calà, detto Jerry, è stato uno degli indiscussi protagonisti della televisione e del cinema nostrano a cavallo degli anni ’70 e ’80. Prima come membro del fortunato gruppo musicale e cabarettistico veronese “I Gatti di Vicolo Miracoli” e poi, dal 1985, come attore e cabarettista solitario.

Jerry Calà nonostante l’incredibile successo ottenuto in gioventù si è visto ridurre, nel corso degli anni, le opportunità lavorative sino a scomparire del tutto dal panorama televisivo e cinematografico nazionale. Nonostante non sia più sulla cresta dell’onda da diversi anni, Jerry Calà continua a riscuotere ampi consensi tra i fans, anche giovanissimi, che continuano ad apprezzare la comicità semplice dei suoi lavori.

Profondo rosso. Jerry Calà alla Capannina di Forte dei Marmi, teatro del film ‘Sapore di Mare’, continua a portare avanti i suoi show di improvvisazione salendo sul palco e rinvigorendo il ricordo dei suoi film cult che lo hanno reso famoso tra gli anni ’70 e ’80. Un successo partito con i Gatti di Vicolo Miracoli ma che poi, pian piano, si è spento. Non dal punto di vista del ricordo da parte degli appassionati e dei suoi fan, ma per quel che riguarda la sua professioni di attore.

Sulla sua graduale sparizione dal panorama cine-televisivo italiano è stato lo stesso Jerry Calà a parlarne. Intervistato dal quotidiano Il Giornale, l’attore ha svelato che alla base del suo abbandono, forzato, delle scene potrebbero esserci le sue idee politiche, con lo stesso che avrebbe dichiarato: “forse perché non odoro di sinistra e non invoglio i registi. Per carità, non è una lamentela, soltanto una amara considerazione”.

Jerry Calà ha poi svelato come, una volta che il suo telefono ha smesso di suonare, abbia tentato, da solo, di tornare alla ribalta con alcuni progetti in proprio (che hanno riscosso fortune alterne), affermando: “Sono un indie del cinema e della tv. Non a caso film come ‘I ragazzi della notte’ oppure ‘Vita Smeralda’ me li sono fatti da solo, anche in sala di montaggio”.

Recentemente infatti, Jerry Calà non ha nascosto la sua simpatia per il Governo giallo-verde, stima ricambiata sui social anche dal capo politico del Movimento, Luigi Di Maio.

Nonostante la “scomparsa dalle scene” sia molto più datata delle sue esternazioni politiche, Calà con le sue dichiarazioni ha voluto denunciare quella che rimane, per lui, una ferita aperta.

Contestualmente il comico ha ricordato come a breve tornerà insieme ai “Gatti di Vicolo Miracoli” con un nuovo film “Odissea nell’ospizio”, per l’occasione Jerry Calà sarà affiancato dai suoi vecchi compagni Umberto Smaila, Franco Oppini e Nini Salerno, riunitisi finalmente dopo anni di separazione.