La cucina dell’Età del Bronzo a Ledro

0
189

Torna nel ponte del 23-25 aprile l’iniziativa Menù Ledro – A Tavola con la Preistoria proposta da alcuni ristoranti nell’intento di far avvicinare gli ospiti a quello che era lo stile e gli ingredienti a disposizione dei nostri antenati, che in piena Età del Bronzo, circa 4.000 anni fa, si erano insediati proprio in Valle di Ledro, in Trentino, sulle rive del suggestivo Lago, come testimoniano i molteplici ritrovamenti archeologici, oggi raccolti nel Museo delle Palafitte.

Niente paura, non si tratta di ingredienti strani come siamo abituati a immaginare vedendo film e cartoni animati dedicati agli uomini preistorici quanto piuttosto cibi che ancora oggi mangiamo proposti in maniera differente: nei cinque locali della Valle di Ledro sarà così possibile confrontarsi con una cucina antica, sia per gli ingredienti, rigorosamente locali, sia per le tecniche di cucina, limitate a quello che le possibilità del tempo consentivano ai primi abitanti della vallata.

Salmerino alla griglia, zuppa preistorica di cereali e legumi, crema di erbe antiche sono alcuni dei piatti che compaiono nei ricchi menù proposti dai cinque ristoratori che costituiscono il progetto, vale a dire la Locanda Le Tre Oche di Molina, il Ristorante Camping Al Lago di Pieve, il Ristorante dell’Elda di Lenzumo, l’Osteria La Torre di Pieve ed il Ristorante Maggiorina di Bezzecca. Cinque diverse proposte accompagnate da altrettanti simpatici omaggi che renderanno ancora più preziosa l’esperienza di una cucina diversa, diversamente ricca rispetto a quella a cui siamo abituati nell’oggi.

Menù Ledro è un programma ideato dal locale Consorzio per il Turismo che si propone di valorizzare e diffondere le peculiarità gastronomiche di un territorio rivelatosi autentica palestra a cielo aperto per quanto riguarda la pratica degli sport outdoor ma anche bacino e culla di grandi tradizioni culinarie, grazie anche alle diverse contaminazioni che la storia ha concesso alla vallata trentina.

A Tavola con la Preistoria è il primo appuntamento del nuovo anno di Menù Ludro, cui seguirà Menù Ledro Giallo e Zafferano tra fine maggio ed inizio giugno, quando il leit-motiv sarà per l’appunto il giallo ed il carattere di questa spezia, lo zafferano, che in Valle di Ledro ha trovato un suo ambiente ideale. E poi in autunno, spazio al colore viola di Menù Ledro Autunno, incentrato sulla patata viola, altro prodotto della terra ledrense con l’ultimo atto, a fine anno, riservato a La Cucina dell’Esodo per conoscere tutti gli influssi che la deportazione di migliaia di ledrensi in Boemia durante la Prima Guerra Mondiale hanno avuto anche nella tradizione culinaria locale.

Quattro appuntamenti da leccarsi i baffi, per trascorrere comodamente seduti a tavola, un viaggio sensoriale nella storia della Valle di Ledro e nell’evoluzione della sua cucina. E sempre legato alla storia delle palafitte vi è il concorso che consentirà al fortunato vincitore di cenare e trascorrere una notte in Palafitta la prima domenica di agosto 2017.

Comments

comments