“La foto con la benda può far annullare il processo” dice l’avvocato di O.J. Simpson

La foto con la benda può far annullare il processo“. Queste le dichiarazioni di uno dei maggiori giuristi americani, Alan Dershowitz noto anche per essere stato tra i difensori di O.J. Simpson, lo sportivo coinvolto in uno dei casi giudiziari che hanno più interessato la cronaca americana.

A dire di Dershowitz, professore emerito di Harvard, l’impatto legale della foto sarebbe tale da poter costituire, per l’avvocato difensore, l’invalidamento dell’intero processo, costituendo così un’eccezionale controprova per i due uomini ritenuti responsabili dell’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega.

In effetti, il metodo per così dire poco ortodosso praticato potrebbe a tutti gli effetti invalidare l’interrogatorio avvenuto subito dopo il fermo dei due cittadini statunitensi, potendo così ottenere un annullamento del processo per vizio di forma, una pratica che non sarebbe nemmeno troppo complessa e che scagionerebbe, almeno temporaneamente, i due.

Resta il mistero del perché di questa foto così compromettente per le Forze dell’Ordine: un mistero che si somma alle segnalazioni fasulle sull’origine dei due aggressori, con il depistaggio iniziale delle indagini. La paura è che alla fine, per tutta una serie di coincidenze, si arrivi ad avere l’ennesima vittima italiana senza un colpevole.