L’ex generale dei Carabinieri Pappalardo: “Salvini e Di Maio sono mentitori. Non hanno mantenuto promesse elettorali”

Antonio Pappalardo, generale in pensione dell’Arma dei Carabinieri, leader del Movimento Liberazione Italia, presidente del Sindacato unitario personale in uniforme, ex parlamentare, ex candidato  è intervenuto a Radio Cusano Campus durante la trasmissione “Cosa succede in città” condotta da Emanuela Valente.

Pappalardo ha bocciato l’emendamento alla legge di Bilancio che prevede l’utilizzo dell’Esercito per riparare le buche di Roma, dichiarando: “Sono le cose che fa un governo arraffone, di incapaci, di sprovveduti che non sanno che pesci prendere. Visto che le varie amministrazioni civili non sanno che fare allora chiamiamo i militari perché lavorano bene e posso sistemare pure le buche. E’ una boiata pazzesca. Non rompano le scatole ai militari”.

L’ex generale dell’Arma dei Carabinieri si è espresso anche sulla Protezione Civile, aggiungendo: In Italia la Protezione Civile è un fallimento totale, non riesce a intervenire nei terremoti, nelle catastrofi e alla fine bisogna sempre chiamare i militari. Ai militari venga affidata la costituzione di una guardia nazionale che studi tutti i fenomeni catastrofici che si posso abbattere sul nostro territorio. Aboliamo la Protezione Civile. Gli stati maggiori militari sì che sanno pianificare, organizzare, intervenire, i militari sanno lavorare. I poteri e le mansioni della Protezione Civile vengano affidati all’Esercito, le Forze Armate si prendano questo compito perché è una vera e propria guerra visto che ogni cinque minuti avviene un fatto catastrofico.”

Antonio Pappalardo ha parlato anche dello stato in cui versa la città di  Roma: E’ notevolmente peggiorata, inquinamento a non finire. Quando vado a Roma, in pieno centro dove c’è la Camera dei Deputati, devo rifugiarmi in un bar per prendere un bicchiere d’acqua perché non riesco a respirare. Dell’inquinamento non si vuole occupare nessuno, oggi ogni famiglia ha un malato di cancro.”

Infine concludendo l’intervista ha parlato anche di Salvini e Di Maio: “Sono due mentitori. Non hanno mantenuto le promesse elettorali, l’unica cosa che hanno fatto è quel ridicolo decreto sulla sicurezza che non vale un fico secco. Quando fai una promessa al popolo sovrano la devi mantenere, perché il popolo e Dio e se tu non la mantieni bestemmi il Signore.”