Prosegue senza stop la giornata di festa di Pontida, sul palco della manifestazioni si stanno succedendo tutte le figure di spicco della Lega Nord.

Non poteva mancare Lorenzo Fontana, ministro per le Politiche della Famiglia, salito sul palco insieme al ragazzo deriso dai coetanei pochi giorni fa a Bergamo per via della sua disabilità.

Lorenzo Fontana ha dichiarato: “Ringrazio lui e la madre per essere qui. Dobbiamo iniziare da una battaglia di educazione. Ritengo non sia dignitoso per un paese civile avere persone invalide al 100% che ricevono 280 euro di assegno di invalidità. Un vero stato prima pensa ai suoi cittadini e poi al resto del mondo. Noi vogliamo bene a tutti ma ci dobbiamo comportare da veri padri di famiglia che prima pensano ai propri figli”.

“Lo stato negli ultimi anni si è dimenticato dei propri figli in difficoltà. Il fatto che sia cambiata la prospettiva lo avete visto in questo ultimo mese: la battaglia contro i falsi invalidi sarà battaglia senza quartiere ma non come negli ultimi anni dove i disabili veri venivano tartassati. Noi vogliamo pescare veramente chi si approfitta dei soldi di chi è in difficoltà”.

Concludendo il ministro Fontana ha promesso che i medici che incentivano queste pratiche illegali verranno radiati dall’albo, aggiungendo poi come la Lega sia stata attaccata in questi ultimi mesi per aver detto cose vere come che la mamma è la mamma e non un genitore uno,ricordando come la Lega sia fiera di avere la famiglia al centro del progetto.