Frau: “Mattarella conceda la medaglia d’oro al ‘valor militare’ agli eroi di Nassiriya”

0
1
ansa - nassirya - Nassiriya ( Iraq) 29 giugno 2003 Tra sole e sabia l'alzabandiera nella base italiana di Talill a pochi chilometri da Nassiriya dove si e' insefiato il reporto del genio del contingente italiano in Iraq. Ph. Ciro Fusco
“In ogni ricorrenza di quel 12 novembre del 2003 quando, la base militare italiana di Nassiriya fu oggetto di un barbaro attacco terroristico, è sempre amaro il mancato riconoscimento ai nostri caduti della Medaglia d’oro al valor militare”.
A dirlo, in una nota stampa, è il commissario regionale del Movimento Nazionale per la Sovranità del Trentino-Alto Adige Raimondo Frau, che continua: “I nostri soldati, appartenenti all’Arma dei Carabinieri, all’Esercito Italiano e all’Aeronautica Militare, impegnati nell’operazione militare Antica Babilonia, erano in Iraq per portare democrazia e speranza a un popolo che  aveva vissuto il dramma della dittatura e, ora, assaggiava la tragedia del terrorismo”.
Un regolamento ormai desueto risalente al 1932 impedisce ai martiri di Nassiriya e ai loro familiari un riconoscimento tangibile al loro sacrificio.
“Riteniamo – prosegue nella nota il commissario regionale del Movimento Nazionale per la Sovranità del Trentino-Alto Adige Raimondo Frau – che sia un obbligo morale della Repubblica Italiana e delle sue istituzioni risaltare la figura di chi ha svolto il proprio dovere con onore, di chi ha portato la bandiera dell’Italia nel mondo, di chi ha difeso i diritti di un popolo e uno Stato diversi dal suo”.
“Chiediamo – prosegue – al nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella il riconoscimento della Medaglia d’oro al “valor militare” per dare dignità ai nostri caduti, morti da eroi sul campo di battaglia, in nome della pace e della democrazia”, conclude  infine Raimondo Frau.

Comments

comments