Meloni e Salvini uniti: “Attacco folle contro la Siria. L’Italia ne resti fuori”

0
851

“Attacco in Siria fuori dalla legalità internazionale in assenza di un pronunciamento dell’ONU sui presunti attacchi chimici. Evidentemente i disastri causati in Libia non hanno insegnato nulla. L’Italia non assecondi questa pericolosa deriva”, è quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Matteo Salvini, invece, ha affermato: “Stanno ancora cercando le “armi chimiche” di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno col grilletto facile insiste coi “missili intelligenti”, aiutando peraltro i terroristi islamici quasi sconfitti. Pazzesco, fermatevi”.

Gentiloni, presidente del consiglio di un governo scadente e che dovrebbe limitarsi all’ordinaria amministrazione, sembra intenzionato a far scendere l’Italia nel conflitto. E’ già sicuro che Assad abbia usato armi chimiche. Chissà chi gli ha fornito le prove. Forse Prodi dopo l’ennesima seduta spiritica? Saviano che ha plagiato un documento della Cia prima di coprirsi bocca e naso in una indecente iniziativa autopubblicitaria? A Gentiloni non sono bastati i disastri provocati in Libia dall’appoggio fornito dall’Italia agli Stati canaglia che hanno distrutto il Paese nordafricano.

Con prove mancanti si spera che qualcuno fermi questa orribile carneficina.

è quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Matteo Salvini, invece, ha affermato