Milano, rapinati i genitori di Matteo Salvini: prese cassaforte e argenteria

Salvini

Tra il 15 e il 16 agosto dei ladri hanno fatto irruzione nell’appartamento a Milano dei genitori di Matteo Salvini e hanno messo a segno una rapina, rubando la cassaforte e alcuni pezzi di argenteria.

Il furto sembra al momento slegato da motivi politici, in quanto quasi contemporaneamente è stato svaligiato anche un altro appartamento al piano superiore del palazzo. I genitori di Salvini non erano in casa, essendo temporaneamente fuori per festeggiare il Ferragosto.

La scoperta del furto è avvenuta proprio durante i sopralluoghi effettuati dopo la denuncia della rapina nell’altro appartamento e si attende di poter visualizzare le immagini delle telecamere di sicurezza per identificare i rapinatori. Le telecamere furono fondamentali per arrivare all’arresto delle ladre che svaligiarono la casa di Beppe Sala, sindaco di Milano.

Anche se è da ritenersi improbabile un collegamento politico, la coincidenza temporale con l’attentato presso la sede provinciale della Lega di Treviso fa sospettare un possibile accanimento verso Salvini e i suoi cari. La sicurezza verso obiettivi sensibili del partito guidato da Matteo Salvini è stata comunque intensificata, in modo particolare è sorvegliatissima la sede nazionale di via Bellerio, a Milano.