Nomina Sgarbi al Mart. Marini (M5S): “Presa in giro ai danni dei cittadini”

La nomina di Vittorio Sgarbi come presidente del Mart di Rovereto continua a far discutere. Alex Marini, Consigliere provinciale del Movimento 5 Stelle trentino, che in più di un’occasione aveva dimostrato di non gradire la figura del famoso critico d’arte, è tornato a criticare la decisione della Giunta provinciale.

Attraverso una nota pubblicata sul suo blog personale, il consigliere provinciale del Movimento 5 Stelle ha ribadito, ancora una volta, le proprie perplessità sulla nomina, dichiarando: “Vittorio Sgarbi è stato nominato presidente del Mart di Rovereto. Come credo sappiate tutti mi sono sempre opposto a questa nomina che ritengo sbagliata e di fatto contraria allo spirito delle leggi in materia di incarichi ai politici. Che sia stata messa in atto una pesante forzatura è evidente e lo è tanto di più se si considerano le mancate risposte a tutti gli atti che ho presentato in sulla questione negli ultimi mesi. In un’interrogazione facevo una descrizione puntuale dei fatti e ponevo domande ben specifiche, il termine per la risposta scadeva il 20 marzo e a oggi non se ne è saputo niente“.

Con un’istanza di accesso agli atti via posta elettronica certificata al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza della Provincia – continua Marini – chiedevo gli atti prodotti nel corso dell’istruttoria per la nomina. Qui il termine di risposta era il 6 aprile. A oggi nessuna risposta. Tramite una richiesta di parere all’Anac chiedevo di verificare la compatibilità di Vittorio Sgarbi al ruolo per lui ventilato.  La richiesta veniva assegnata all’Ufficio Vigilanza sulla imparzialità dei funzionari pubblici, che vigila sull’incompatibilità degli incarichi pubblici, nonché sul rispetto dei codici di comportamento. Inoltre avevo presentato anche una richiesta alla Giunta delle elezioni della Camera per valutare la presunta incompatibilità della nomina. In entrambi i casi la risposta era che non si poteva dare un parere su una cosa ancora non avvenuta. Adesso che si è concretizzata vedremo come si esprimeranno“.

Proseguendo nella nota il Consigliere pentastellato ha rimarcato la sua contrarietà alla nomina di Vittorio Sgarbi, aggiungendo come con tale nomina siano stati presi in giro i cittadini e sia stato raggirato lo “spirito della legge basata su interpretazioni capziose e di parte della normativa. In passato l’ANAC si è raccomandata più volte con Governo e Parlamento affinché intervenissero a modificare la norma per prevenire alcuni comportamenti elusivi. Con questa nomina si è fatto esattamente ciò, facendosi volutamente beffa dell’ANAC, della legge e dei cittadini ovvero nominando un presidente senza deleghe gestionali dirette“.

Successivamente il consigliere ha voluto chiarire come le sue continue proteste non derivino da un astio personale nei confronti di Vittorio Sgarbi, ma siano da imputare quasi esclusivamente alla mancanza di rispetto dello spirito della legge.

Infine il Consigliere Marini ha ribadito come continuerà a battersi per far rispettare tale legge. Aggiungendo come sia impensabile lamentarsi dell’alto costo della corruzione italiana se si continua a tentare di aggirare le leggi .

“Il M5S non lo accetta e farà di tutto per porre fine a questo indecoroso andazzo” ha poi concluso Alex Marini. (Intervento integrale: https://alexmarini.com/2019/04/15/nomina-sgarbi-e-stata-aggirata-la-legge-ma-noi-non-molliamo/ )