Occupazione di stabile in via san Pio x, il parere di Zanetti (FI)

0
29

Le occupazioni di immobili nel Comune di Trento da parte degli anarchici paiono continuare senza alcun intervento mirato da parte dell’amministrazione comunale la quale, nonostante alcune dichiarazioni sulla stampa, continuerebbe ad operare sulla linea del buonismo e della benevolenza nei confronti di coloro che riterrebbero un diritto mettere in atto azioni illegali. Un quadro allarmante che riteniamo dannoso a livello sociale constatato che, in questo modo, persone senza fissa dimora e bisognose di aiuto potrebbero interpretare l’immobilismo della Giunta comunale e provinciale come un passe-partout all’occupazione di immobili abbandonati o, nel peggiore dei casi, all’occupazione di appartamenti in assenza dei proprietari.

La carenza di mezzi e uomini delle Forze dell’Ordine, inoltre, non aiuterebbe a contrastare simili episodi con conseguente aumento della criminalità e dell’anarchia sul territorio.

Ci chiediamo a questo punto se le Istituzioni governate dal centrosinistra stiano legittimando comportamenti simili, danneggiando l’immagine dei cittadini e del capoluogo trentino oltre ad innescare meccanismi pericolosi che potrebbero portare a veri e propri scontri sociali.

L’ex asilo in Via Manzoni, lo stabile in Via Mattioli, l’ex centro di salute mentale, stabile Itea in Via Filzi, ex mensa S.Chiara in corso 3 novembre ed ora l’immobile fra Via San Pio X e Via Don Sordo sono soltanto alcuni dei luoghi presi di mira dagli abusivi. Ma siamo convinti che, di questo passo, la lista si allungherà poiché l’assenza di regole, disciplina e controllo da parte dell’amministrazione comunale non potrà che condurre ad un quadro desolante e all’incremento di occupazioni abusive sia di stabili pubblici sia di immobili privati.

Contestiamo anche l’atteggiamento della Provincia di Trento che pare appoggiare il modus operandi di Andreatta & Co. visto che nessuna parola pare sia stata spesa sulla vicenda e nessuna critica sia stata mossa nei confronti di un’amministrazione comunale che non pare possedere preparazione e forza di volontà per affrontare situazioni di degrado e controllo del territorio.

Comments

comments