Straniero da fuoco al comando dei vigili nel Modenese: due morti. Si voleva vendicare. Salvini: “roba da matti”

Le due vittime dell'incendio sono una anziana che abitava negli appartamenti sopra lo stabile e la sua bandante. 2 i feriti gravi e 16 intossicati

È di due morti, tre intossicati ricoverati in gravi condizioni e altri 16 in modo lieve il bilancio di un incendio appiccato nella notte nel comando della polizia municipale di Mirandola.

Il rogo, secondo quanto riferisce Il Giornale di Modena, sarebbe stato appiccato intorno alle 2 e 40 da uno straniero che si voleva vendicare per essere stato fermato nei giorni scorsi dagli agenti della municipale.

L’uomo, di origine nordafricana, è stato arrestato dai carabinieri. Si tratterebbe di uno straniero, pare originario del Marocco, ora nelle mani degli inquirenti. L’incendio, di natura dolosa, come confermano i primi accertamenti, si è sviluppato negli uffici della polizia locale provocando un’esplosione che ha coinvolto un appartamento adiacente, al primo piano, dove sono morte le due persone sorprese nel sonno.

Salvini, azzerare immigrazione clandestina

“Altro che aprire i porti, come vuole la sinistra, io lavoro per fermare e mandare tutti a casa questi delinquenti. E se minorenne non mi interessa, deve pagare fino in fondo per la sua bestialità. Azzerare l’immigrazione clandestina, in Italia e in Europa, è un dovere morale: a casa tutti, con la Lega si può”. Lo dichiara il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, commentando quanto successo la scorsa notte a Mirandola.