Termeno: rinvenuto feto di femmina nel depuratore

0
323

E’ stato rinvenuto un feto, presso il depuratore di Termeno, in provincia di Bolzano, si tratta di una notizia che è stata già riportata dalle agenzie di stampa e che è stata confermata dalla Procura della Repubblica di Bolzano, la quale precisa che si indaga a carico di ignoti per il delitto di interruzione di gravidanza di cui alla legge 22.05.1978 n. 194.

Il feto che è stato rinvenuto è di circa 20 settimane, cioè 4 mesi e mezzo di gravidanza, oltre il limite di settimane per la sicurezza della “mamma” che sarebbe di 12 o 16 settimane a seconda del tipo/motivo di interruzione di gravidanza.

Il feto è di sesso femminile, non riporta lesioni esterne tali da determinare un aborto spontaneo. Si ipotizza un’interruzione di gravidanza verosimilmente indotta.

Praticare illegalmente l’aborto anche se è stata un’attività che ha visto protagoniste le “mammane” a scopo prevalentemente politico (come non ricordare criminali come Emma Bonino ndr) è un reato. Gravissimo.

Al fine della identificazione degli autori del reato sono state svolte le indagini sul DNA prelevato e analisi tossicologiche, si attende esito dei rispettivi prelievi. Il feto rimane sequestrato e conservato in cella frigo.

La Procura della Repubblica ha delegato le indagini per l’identificazione della madre alla polizia giudiziaria e al NAS Carabinieri di Trento.