Negli ultimi 15 giomi la Squadra Mobile di Trento, nelTambito delle azioni contro lo spaccio di sostanze stupefacenti, ha arrestato in piazza Dante 3 cittadini nigeriani e denunciato altri 5 per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Negli stessi giomi sono stati, inoltre, arrestati un cittadino tunisino per sospensione dell’ordine di carcerazione e un latitante nigeriano a Cagliari.

Le attivita investigative concentrate in particolare nel centro cittadino hanno portato gli Agenti della Squadra Mobile ad arrestare e denunciare giomalmente diverse stranieri che con varie “tecniche” tentavano di immettere sul mercato stupefacente confezionato in dosi.

Gli stranieri, alcuni dei quali gia coinvolti nell’operazione “Bombizona”, che aveva portato all’arresto di oltre 20 persone ed al divieto di dimora nella provincia di Trento di altrettante, presidiavano, nelle ore centrali della giornata, piazza Dante in attesa dei “clienti”. Gli stranieri avevano escogitato diversi stratagemmi per evitare di essere arrestati o individuati dagli investigatori.

In diverse occasioni, infatti, gli Agenti dopo aver visto il classico scambio denaro/droga hanno dovuto, in modo repentino, bloccare gli spacciatori che, scoperti, tentavano di ingoiare i restanti ovuli, anche a rischio della propria vita. In altre occasioni, prima dello scambio, il tossicodipendente veniva contattato da uno straniero il quale a sua volta ne contattava un altro e quest’ultimo chiedeva ad un terzo di recuperare la merce. Modalita queste necessarie per evitare l’arresto ed essere “puliti” durante i numerosi controlli, disposti giornalmente dal Questore D’Ambrosio e attuati dalle Volanti e dal Reparto Prevenzione Crimine.

E stato, infine, arrestato a Cagliari uno degli ultimi nigeriani latitanti dell’operazione “Bombizona”. L’uomo, appena rientrato dalla Germania, e stato, nella giornata di giovedì 23, rintracciato nel capoluogo sardo dalla Polaria di Cagliari la quale, in concorso con la Squadra Mobile Trentina, dopo aver verificato lo stato di latitanza dello straniero lo ha arrestato e condotto in carcere.