Trento. Spacciava droga nei pressi di Piazza Dante, arrestato 31enne nigeriano

Le unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza di Trento, nell’ambito del potenziamento dei controlli che tutte le Forze dell’ordine stanno espletando a livello provinciale per il contrasto alla microcriminalità legata allo spaccio e al consumo di stupefacenti, hanno sequestrato un etto di marijuana e mezzo etto di hashish, corrispondente a circa centocinquanta dosi, arrestando in flagranza un nigeriano per detenzione e spaccio di droga.

I Finanzieri della Compagnia di Trento concorrono attivamente al presidio dei luoghi della città maggiormente a rischio di frequentazione da parte di soggetti dediti alla vendita e all’acquisto di sostanze stupefacenti e hanno da tempo in corso svariate attività di indagine e di ricerca d’informazioni per il contrasto su strada alla microcriminalità legata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

A conclusione di una di queste attività investigative, le Fiamme Gialle della Compagnia di Trento avevano da tempo posto l’attenzione su un soggetto nigeriano, E.K.. di 31 anni, fortemente indiziato di spacciare sostanze stupefacenti perché visto spesso aggirarsi con atteggiamento sospetto nei pressi di Piazza Dante.

Nel corso dell’ultimo servizio di appostamento, i militari delle Fiamme Gialle hanno individuato l’extracomunitario mentre si intratteneva con un ragazzo: mentre i due venivano osservati, i Finanzieri hanno notato un rapido scambio di gesti con le mani, cui è seguito un altrettanto repentino allontanarsi del ragazzo dal nigeriano; le unità della Finanza sono allora intervenute e, accorgendosi del loro arrivo, il nigeriano ha iniziato a spostarsi a passo svelto.

Il nigeriano è stato però subito intercettato, bloccato e identificato; dai primi accertamenti nelle banche dati di polizia, subito attivati mediante la Sala Operativa “117” della Guardia di Finanza, è risultato regolarmente residente sul territorio nazionale.

Nel frattempo Apiol e Gabriel, cani antidroga in servizio in Trentino, puntavano con insistenza l’odore di droga presente sul soggetto, difatti nelle tasche del jeans del nigeriano venivano individuate n. 3 involucri di cellophane contenenti mezz’etto di marijuana ed il successivo rapido controllo nei vicini cespugli – dove poco prima il ragazzo di colore sembrava aver gettato qualcosa – ha consentito ai Finanzieri di trovare altri 4 involucri contenenti mezz’etto di marijuana e, diviso in piccoli involucri, un ulteriore mezz’etto di sostanza che si è poi rivelata essere hashish.

La droga, del valore sul mercato illecito di circa cinquecento euro, è stata sequestrata ed il nigeriano, regolarmente residente sul territorio italiano, è stato immediatamente arrestato in attesa del giudizio per direttissima, tenutosi nella mattinata odierna, all’esito del quale, dopo la convalida dell’arresto, il Giudice ha emesso una sentenza di condanna ad un anno di reclusione ed alla multa di duemila euro.