Il 3 maggio alle ore 20.45 al Teatro di Villazzano, al seguito di una residenza artistica e all’interno dell’evento “Teatro Danza – Un linguaggio da scoprire”, va in scena Briata_deos il nuovo spettacolo della Compagnia Controra incentrato sul tema della paura.

Lo spettacolo si ispira alla nostra società ma soprattutto prende spunto dalle paure personali, da esperienze condivise e autobiografiche, da immagini, suggestioni e racconti che sono stati elaborati nel tempo e hanno dato corpo a questo viaggio metaforico. La paura è parte integrante della società di oggi, dove il dover difendersi da qualcosa o qualcuno che potrebbe nuocere sembra essere il denominatore comune. E’ un istinto necessario, salva e protegge dai pericoli imminenti, ma può anche diventare una fonte di blocchi, un ostacolo che lentamente trasforma il modo di vivere e affrontare la quotidianità.

In Briata_deos il linguaggio della danza e del teatro interagiscono creando un tutt’uno in una forma essenziale dove il gesto, l’espressività e la danza diventano parola e la parola si fonde nel suono, nella musica e nel corpo. Elementi simbolici e metaforici si susseguono in quadri per raccontare un percorso, un viaggio dentro se stessi dove riconoscere e riconoscersi.

Nel progetto sono stati coinvolti diversi artisti e professionisti, alcune musiche originali sono state composte da Elia Pedrotti e Fabio Soldi, incluse nel progetto musicale e sonoro di Andrea Deanesi, il disegno luci di William Trentini, la scenografia è della pittrice Annalisa Filippi, elementi scenici e consulenza per i costumi Lucia Santorsola e le foto di Monica Condini.

Il progetto nasce da un’idea di Natascia Belsito, sposato e condiviso con Andrea Deanesi e Fannj Oliva. Diversi sono stati gli step di lavorazione, 4 residenze lunghe (CID – Centro Internazionale della danza/ORIENTEOCCIDENTE dance festival, ATELIER A presso il Castello di Apricale in provincia di Imperia, KOMM TANZ progetto residenze Compagnia Abbondanza/Bertoni in collaborazione con il comune di Rovereto e Teatro E nell’ambito della rassegna promossa dal Teatro di Villazzano Teatro danza- un linguaggio da scoprire) che hanno dato la possibilità di lasciar maturare la creazione e vederne la trasformazione.

Prezioso è stato il contributo di CARITRO che ha sostenuto il progetto per la messa in scena, la coproduzione dell’associazione “La casa della danza” di Borgo Valsugana e l’appoggio dell’associazione Artea di Rovereto hanno reso possibile la realizzazione del tutto.