Brentonico, a “Gli oracoli del sabato” ospite lo storico Aldo Boninsegna

0
279

Sabato 19 maggio alle ore 18 si terrà presso la biblioteca comunale di Brentonico il consueto appuntamento con “Gli oracoli del sabato”, il titolo di questo incontro sarà “A Brentonico nella seconda metà del XII secolo”, ospite speciale sarà lo storico Aldo Boninsegna.

Si parlerà di Medioevo a Brentonico ne “Gli Oracoli del sabato” del 19 maggio ad ore 18.00 presso la Biblioteca comunale; in particolare si tratterà della seconda metà del XII secolo, quando sull’ Altopiano governavano i “Signori da Brentonico”, prima cioè dell’avvento della grande casata dei Castelbarco.

Lo storico Aldo Boninsegna, da un paio di anni ospite dell’Altopiano, ha ricercato e analizzato le autentiche pergamene del periodo. Nell’incontro Boninsegna restituirà alla comunità tutta una serie di dati e accadimenti storici finora sconosciuti oppure conosciuti solo genericamente; come, ad esempio, i nomi dei primi ‘sindaci’ di Brentonico, i “Signori da Brentonico” appunto, o la vicenda dei confini della ‘Bordina’, che vide Mori soccombere in giudizio per la prima volta, (l’ultima fu pochi anni fa), già a fine del Millecento. 

Nella ricostruzione storica, specialmente del Medioevo, ci si deve sempre attendere al dato documentario, perché nulla è più certo e più aderente alla realtà del tempo. Quando si trova un documento la cui attendibilità è certa, dalla trascrizione e dallo studio si ottengono le informazioni che permettono di ricostruire tutte le condizioni che hanno contribuito a porre in essere il documento stesso e, indirettamente, la realtà della società del tempo.

Un altro fattore interessante della ricerca storica riguarda anche l’annullamento sostanziale di quelle che comunemente vengono chiamate ‘le tradizioni’. Non esistono infatti identità storiche, etniche, geografiche e antropologiche fisse e stabili. Quello che siamo noi oggi non è altro che il risultato, sempre e comunque liquido e in continuo divenire, della stratificazione profonda e delle contaminazioni geografiche e culturali di plurime civiltà succedutesi, civiltà spesso anche culturalmente e socialmente differenti e discontinue. 

Prendiamo ad esempio il caso di Brentonico. La sua storia è documentabile dal Paleolitico Superiore: in seguito è sicuramente stata terra di cacciatori preistorici, reto-etrusca, romana, longobarda, franca, del Sacro Romano Impero, del Principato Vescovile di Trento, veneziana, della Contea del Tirolo, francese, del Regno di Baviera, del Regno d’Italia ottocentesco, asburgico dal 1815 alla fine della Grande Guerra, ancora del Regno d’Italia dopo la Grande Guerra, del Grossdeutsches Reich dal settembre del 1943 all’aprile 1945, della Repubblica italiana e finalmente europea.