Brentonico, presentato “L’inutile strage-Controstoria della Grande Guerra

Nell’ambito di “Grande Guerra incontri”, Palazzo Eccheli Baisi di Brentonico ospiterà martedì 28 agosto 2018 ad ore 21.00 lo scrittore e pacifista Giorgio Giannini per la presentazione del suo ultimo libro “L’inutile strage – Controstoria della Grande Guerra” (LuoghInteriori, Città di Castello, 2018).

In occasione del Centenario della Grande Guerra, il saggio analizza non solo le cause del conflitto, ma soprattutto le tragiche conseguenze politiche, sociali ed economiche che la guerra ha prodotto nei Paesi belligeranti e nella vita di militari e civili.

Questi temi sono affrontati adottando un approccio particolare: non tanto la ricostruzione degli eventi storici, ma l’approfondimento di aspetti poco noti del conflitto che meritano di essere ricordati. L’attenzione si concentra sui ‘protagonisti’ della Grande Guerra, spesso completamente sconosciuti, come gli obiettori di coscienza, le crocerossine e le portatrici carniche, per poi approfondire il dramma della Giustizia Militare senza trascurare la Memoria di guerra. Viene anche esaminata la figura di Andrea Graziani, denominato il “Generale fucilatore”, al quale risulta ancora intitolata una pubblica via a Brentonico.

Giorgio Giannini è nato a Roma nel 1949. È stato obiettore di coscienza al servizio militare, docente di Discipline Giuridiche ed Economiche nelle Scuole Superiori. È Presidente dal 2006 dell’Associazione pacifista e nonviolenta “Centro Studi Difesa Civile”, di cui è stato cofondatore nel 1988.

È membro del Direttivo del Circolo “Giustizia e Libertà” (fondato a Roma nel 1948 da ex Partigiani del Partito d’Azione) e dell’Associazione democratica “Giuditta Tavani Arquati” (costituita a Roma nel 1887 per tutelare gli ideali risorgimentali). Ha scritto dieci libri sui temi dell’Obiezione di Coscienza, della Resistenza al nazifascismo e del Giorno della Memoria (con particolare riguardo alle “vittime dimenticate” della barbarie nazista: Rom, omosessuali, disabili…). Ha scritto circa duecento articoli, pubblicati su riviste cartacee e online. Con “L’inutile strage” è stato vincitore della sezione Saggistica al “Premio letterario Città di Castello”.