FBK. STORIE DA APPRENDERE, STORIE DA INSEGNARE

0
36

Le profonde trasformazioni occorse al sistema scolastico non hanno pregiudicato la centralità della storia all’interno del percorso formativo. Al contrario: la rapidità e la profondità dei mutamenti globali in corso, così come il diffuso dibattito pubblico sul loro presunto carattere epocale, conferiscono all’acquisizione di una conoscenza storica di base un ruolo ancora più rilevante nella formazione di una cittadinanza critica e consapevole che inizi a formarsi negli ambienti di apprendimento scolastici. In particolare, la coscienza della lunga durata nella quale si collocano eventi e processi in corso rende ancora più urgente la promozione di un insegnamento della storia improntato a un rinnovamento metodologico sulla scorta delle acquisizioni più recenti della storiografia internazionale. Ciò in coerenza con le linee guida dei Piani di studio provinciali relative alla storia, che sottolineano l’importanza di perseguire competenze riferite al “metodo storico”.

Per tale ragione l’Iprase e l’Istituto storico italo-germanico della Fondazione Bruno Kessler propongono ai docenti delle scuole secondarie un percorso di cinque incontri, durante i quali altrettante tematiche storiche serviranno da spunto a un confronto tra i ricercatori dell’Istituto e i docenti intervenuti sulle forme e i metodi dell’insegnamento della storia.

Gli incontri, che si terranno presso la sede di via Santa Croce 77 della Fondazione Bruno Kessler, avranno un carattere laboratoriale, improntato al confronto diretto sulle fonti e i metodi più proficui e stimolanti per la trasmissione della conoscenza storica. Ogni incontro avrà la durata di due ore. Una breve presentazione a cura dei ricercatori, supportata da materiale in formato digitale che sarà messo a disposizione degli intervenuti, sarà seguita da una discussione collettiva sullo stato dell’insegnamento della storia nella scuola secondaria e sulle possibilità di introdurre nuovi approcci e metodi al fine di stimolare l’interesse e la ricettività degli studenti. Infine è previsto che la collaborazione tra i ricercatori e i docenti non si esaurisca nei singoli incontri, ma prosegua in un proficuo scambio di informazioni anche dopo la conclusione del ciclo per concretizzarsi in brevi documenti che diano pubblicità ai risultati della collaborazione stessa e suggeriscano nuovi percorsi per l’insegnamento della storia nel secondo triennio della scuola superiore.

Comments

comments