NATALE 2013 – QUALI SARANNO I REGALI PIU’ GETTONATI?

0
41

Secondo l’analisi di Coldiretti tramite l’indagine di “Xmas Survey 2013” di Deloitte,quest’anno in media gli italiani spenderanno un buget di 171 euro per Natale e i doni natalizi. Si evidenzia un -5% sugli acquisti rispetto l’anno precedente e si prevedono circa 5 regali a famiglia, acquistati per un terzo in novembre.

Più di sei italiani su dieci (63%) – indica la Coldiretti – spenderà il proprio budget di Natale acquistando prodotti Made in Italy, anche per aiutare l’economia nazionale e garantire maggiori opportunità di lavoro in un momento di difficoltà dovuto dalla crisi, che sta portando alla chiusura di molte imprese e alla perdita di occupazione. Una forma di solidarietà che si concilia con lo spirito del Natale durante il quale ben il 75% degli italiani s’impegna a non acquistare prodotti realizzati con il lavoro minorile e il 65 % quelli che non rispettano l’ambiente.

Vince la sfida del regalo più gettonato con un 25% delle preferenze, l’acquisto di alimenti e bevande per il Natale e il Capodanno, battendo il 23% della grande passione nazionale: quella per la tecnologia.

Un italiano su due sceglierà di acquistare ai tradizionali mercatini di Natale che, con un aumento del 4% delle presenze, sono – attesta l’analisi di Coldiretti – l’unica forma di distribuzione commerciale a registrare un aumento rispetto allo scorso anno. Il 26% del budget per il Natale in Italia, sarà dedicato all’acquisto online che però riguarda prevalentemente musica e film. Ma sono certa che siti di note aziende come Zalando, Yoox e Dalani, in questi giorni a ridosso delle festività, staranno registrando un aumento delle vendite, le fashion victims di certo non si arrestano in questo momento!

Mentre per il cibo e le bevande, al contrario, si registra una tendenza al ritorno al contatto diretto con il produttore, magari con acquisti direttamente in azienda o nei mercati degli agricoltori locali, per assecondare la crescente voglia di conoscenza sulle caratteristiche del prodotto e sui metodi per ottenerlo.

Un grande classico, per chi se lo può permettere, è il dono di un prezioso, le proposte sono tante e variegate quest’anno. Tra le molte novità di quest’inverno, mi ha colpito l’idea dell’azienda italiana Tuum, che crea gioielli che riproducono in rilievo preghiere come il Padre Nostro in latino. Trovo molto interessante il collegamento tra la fede cristiana e l’imminente festività, soprattutto per i valori in cui la ditta crede: rispetto, libertà, alterità, solidarietà, responsabilità, legalità e creatività. Se invece i soldi mancano, ma si vuole ugualmente acquistare dei doni, è possibile, visto il crescente numero di negozi dell’usato presenti nelle città italiane. All’interno di questi si possono fare compere a prezzi molto contenuti, regalando graziosi oggetti a delle volte anche facendo del bene. Sono numerose oggi infatti, le associazioni di volontariato solidale che propongono mercatini e negozi di questo tipo.

Ognuno di noi ha esigenze, gusti e possibilità economiche diverse, ma tutti possiamo portare sul viso altrui un sorriso, con un regalo fatto con il cuore.

di Sabrina Conotter

Comments

comments