Ronzone ricorda Frank Borzage, il trentino che vinse due premi Oscar. Bisesti: “Orgogliosi di aver dato tanto al mondo del cinema”

Il prossimo 13 luglio a Ronzone aprirà i battenti “Frank Borzage. Dalla Val di Non a Hollywood” una mostra dedicata alla figura del famoso attore e regista americano Frank Borzage. Tale evento sarà preceduto (il 12 luglio) dalla cerimonia per l’intitolazione di una via di Ronzone alla figura del, troppo a lungo dimenticato, cineasta americano.

Tali iniziative, che possono sembrare strane vista la relativa oscurità della figura del regista, diventano d’obbligo una volta conosciuta la storia di Frank Borzage. Luigi Borzaga, nativo di Ronzone, a causa di gravi difficoltà economiche emigrò nel 1882 negli Stati Uniti dove gli venne cambiato il cognome dapprima in Borgage e poi in Borzage e dove, nel 1894, diede alla luce il suo quintogenito, Frank Borzage.

Frank Borzage, dopo aver abbandonato gli studi a 12 anni per aiutare il padre nei campi, si avvicina al mondo del teatro e della recitazione entrando in alcune modeste compagnie teatrali. La sua fortuna sarà l’incontro con il produttore teatrale Gilmore Brown e con quello cinematografico Thomas Ince (considerato il padre del western) che lo porteranno, negli anni, ad imporsi prima come attore e successivamente come regista.

Borzage nel corso della sua lunga carriera ha realizzato 110 pellicole, lavorando con star del calibro di Gary Cooper, Clarke Gable e Joan Crawford (solo per citarne alcune). La sua bravura, oltre a garantirgli la stima di tutto lo star system dell’epoca, l’ha portato a ricevere ben due premi Oscar. Il primo, per la miglior regia, nel 1929 con il film “Seventh Heaven” e il secondo, sempre alla regia, nel 1932 con “Bad Girl”.

Il regista, che non dimenticò mai il suo legame indissolubile con l’Italia e il Trentino Alto Adige, riuscì anche a visitare, un’unica volta, la sua terrà d’origine verso la fine degli anni ’50.

Lungo il corso della sua carriera sono state numerose le manifestazioni di stima e affetto da parte del mondo cinematografico nei confronti di Frank Borzage e dei suoi lavori. Oltre ai già citati Oscar, il cineasta pote fregiarsi (sempre solo per citarne alcuni) di una stella sulla famosa “Hollywood Boulevard” (1960) e del “Lifetime Achievement Award” (1961) il più prestigioso premio per un regista.

Oggi, a più di cinquant’anni dalla sua scomparsa (1962) il Comune di Ronzone ha deciso di rendere omaggio all’immensa figura di Frank Borzage, intitolandogli una via e organizzando una mostra in suo onore.

Sulle iniziative si è espresso il Sindaco di Ronzone Stefano Edrizzi che ha dichiarato come dopo aver scoperto grazie al museo comunale la figura del cineasta, si sia subito attivato per valorizzare la memoria di “un figlio della nostra valle che ha realizzato il “sogno americano”.

Sull’importanza di queste iniziative si è espresso anche l’Assessore alla Cultura Mirko Bisesti che, in merito, ha dichiarato: “veramente poco noto però un grandissimo attore e poi regista, vincitore di due premi Oscar. Scoprire che da un piccolo paese della Val di Non abbiamo un regista vincitore di due premi Oscar è una cosa che vogliamo far conoscere, che vogliamo promuovere, non solo per la cultura cinematografica ma anche per l’orgoglio trentino di aver dato così tanto al mondo del cinema”