Il nuovo presidente dell’Unione commercio turismo servizi Philipp Moser, recentemente eletto insieme al nuovo vicepresidente Sandro Pellegrini alla guida dei commercianti e prestatori di servizi dell’Alto Adige, ha incontrato questa mattina il presidente della Provincia Arno Kompatscher.

Moser e Pellegrini hanno sostituito rispettivamente il presidente uscente Walter Amort e il suo vice Dado Duzzi. “Con questo cambio al vertice si conclude un’era e ne inizia una nuova”, ha detto Kompatscher congratulandosi con Moser e Pellegrini per l’incarico che vanno a ricoprire.

L’incontro con Moser e Pellegrini è stata ieri (18 maggio) l’occasione per fare il punto sulle conseguenze delle liberalizzazioni del mercato conseguite al decreto Monti. “Insieme all’Unione commercio turismo servizi siamo riusciti a difendere il tessuto del nostro commercio sul territorio” ha detto il presidente Kompatscher, facendo riferimento alla norma di attuazione dello Statuto di autonomia e alle norme della legge su territorio e paesaggio che hanno regolamentato il settore.

Rimane ancora aperto, invece, il tema delle aperture festive. “La completa liberalizzazione degli orari di apertura danneggia non solo i piccoli negozi ma anche la collettività” ha rimarcato il Landeshautpmann.

Al centro dell’incontro con i vertici dell’Unione commercio turismo servizi c’è stato anche il disegno di legge territorio e paesaggio, che la prossima settimana sarà in discussione in Consiglio provinciale. “Non ci sarà alcun depotenziamento delle attività commerciali nelle zone produttive” ha detto Kompatscher, rassicurando così i rappresentanti dell’Unione.

Ph Durante il colloquio sono stati affrontati anche i temi legati alla nuova legge sul commercio, e da entrambe le parti è stato ribadito che è fondamentale la tutela del commercio di vicinato nelle zone periferiche, un settore nel quale la collaborazione fra amministrazione e Unione commercio prosegue positivamente con l’obiettivo di tutelare sempre meglio le attività tradizionali.