Borghezio: FIAT e WalMart, multinazionali “di sinistra” contro la Taxe

0
23

“E’ semplicemente sconcertante, per non dire altro, il comportamento della Fiat a trazione Marchionne che – con l’unico compagno di strada Walmart – figura nella “lista nera” delle due sole multinazionali che non hanno notificato la loro adesione (la Walmart ha addirittura comunicato il rifiuto) alla richiesta di audizione aventi la commissione Taxe del P.E..

C’è da domandarsi cosa nasconda un simile comportamento di quella che più volte è stata definita da Renzi ‘un modello’.

Non certo riguardo alla trasparenza, al rispetto delle normative europee in tema di fiscalità e neppure in tema di chiara e completa informazione agli azionisti. Risulta infatti che, neppure in occasione dell’ultima assemblea societaria, la Fiat abbia dato risposta in merito alle specifiche domande rivolte dall’azionista Marco Bava in data 7/4/2015, con particolare riguardo all’effettuato o meno pagamento della “exit tax” dovuta per il trasferimento delle sedi all’estero in Olanda e Gran Bretagna, ciò per cui pende una denuncia alla “AFN” – la Consob olandese -.

Questo modus operandi di Marchionne e della Fiat dimostrano ancor più la necessità degli approfondimenti necessari, anche attraverso l’audizione pubblica della commissione fiscalità del Parlamento Europeo, creata ad hoc dopo lo scoppio dello scandalo Luxleaks che ha scoperchiato le pratiche fiscali illegali per evadere il pagamento delle imposte delle multinazionali”. Scrive l’Onorevole Borghezio in una nota alla stampa.

Comments

comments