CERTIFICAZIONE LEED – SILVER PER ACQUE LEVICO

0
12

Levico Acque, azienda che imbottiglia e distribuisce ACQUA LEVICO, l’acqua pura espressione del territorio trentino e delle sue montagne, che sgorga da una fonte centenaria dell’Alta Valsugana, a oltre 1600 metri sul livello del mare, ha ottenuto la certificazione LEED 2009 Italia NC di livello SILVER per la palazzina uffici a Levico Terme (TN). Grazie alla recente ristrutturazione condotta attraverso la collaborazione fruttuosa con la Patrimonio del Trentino e con la Provincia Autonoma di Trento – conclusasi lo scorso marzo – l’edificio è stato completamente rinnovato secondo i criteri ecocompatibili più avanzati.

Leed (Leadership in Energy and Environmental Design) è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità più diffuso al mondo: un insieme di criteri sviluppati negli Stati Uniti e applicati in oltre 60 paesi del mondo per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili dal punto di vista ambientale, sociale, economico e della salute.

Gli standard Leed, elaborati dall’US GBC con la collaborazione delle aziende, delle imprese e di ricercatori delle università statunitensi, indicano i requisiti per costruire edifici eco-compatibili, capaci di procedere in maniera sostenibile ed autosufficiente a livello energetico.

Il sistema di valutazione Leed funziona attraverso l’assegnazione di un punteggio legato a diverse aree della sostenibilità nel dettaglio: Sostenibilità del sito; Gestione delle acque; Energia ed atmosfera; Materiali e risorse; Qualità ambientale interna; Innovazione nella progettazione; Priorità regionale.

I professionisti di LEEDme, divisione green di Strategie d’Impresa, hanno assistito la Levico Acque nell’iter di certificazione di livello SILVER, grazie all’ottenimento di 58 punti su 110. «Situato in una posizione strategica nella zona di Levico Terme l’edificio risulta facilmente accessibile ai mezzi pubblici, in particolare per chi vuole arrivare in treno. – recita l’analisi a cura di LEEDme – L’intervento di riqualificazione dell’edificio spazia dagli aspetti estetico-funzionali a quelli energetico-ambientali. Negli uffici è stato installato un impianto di riscaldamento invernale e di raffrescamento estivo per mezzo di pannelli radianti a pavimento. La generazione del fluido caldo e freddo è garantita attraverso l’installazione di una pompa di calore aria-acqua posizionata all’interno dell’attiguo magazzino. Tale scelta è dettata dalla considerazione che i climi rigidi trentini rendono problematica l’installazione di pompe di calore all’esterno. Anche grazie al grande volano termico costituito dalle bottiglie d’acqua, la temperatura dell’adiacente capannone si mantiene su valori stabilmente maggiori di quelli dell’aria esterna: è proprio da lì che la pompa di calore a servizio degli uffici preleva il calore, guadagnando in efficienza. Nel periodo estivo viene utilizzato lo stesso impianto per il raffrescamento, con inversione di ciclo frigorifero.

Il consumo di acqua all’interno dell’edificio è stato ridotto attraverso apparecchiature a basso flusso installate su lavelli, lavandini, docce, bidet e wc. La piantumazione con essenze autoctone a basso fabbisogno idrico ha permesso di ridurre notevolmente il consumo d’acqua potabile per irrigare gli spazi esterni a verde. Agli occupanti è inoltre garantito un elevato comfort ambientale attraverso illuminazione naturale e viste di qualità verso l’esterno. Infine, la qualità dell’aria interna è garantita attraverso l’istallazione di un sistema di ventilazione meccanica di tutti gli spazi occupati».

Per Levico Acque un ulteriore tassello nel percorso ecosostenibile e di attenzione all’ambiente intrapreso nel 2005 e perseguito quotidianamente con risultati che vanno nella direzione della qualità, del rispetto e della trasparenza.

Comments

comments