Chiara Saraceno alla FBK per parlare di diversità generazionale nel business

0
27

Per la prima volta nella storia si registra oggi la presenza simultanea di un elevato numero di generazioni diverse nello stesso luogo di lavoro (dai cosiddetti baby boomers in uscita, ai millenians in entrata). Uno scenario inedito e complesso che richiede modalità di convivenza produttiva ed efficace tra persone, professionalità e competenze caratterizzate da molteplici differenze.

“Generazioni e innovazioni. Ageing nelle organizzazioni: dinamiche, criticità e opportunità”. È questo il titolo del seminario organizzato da FBK, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento, AIDP – Associazione Italiana Direzione del Personale, FGB – Fondazione Giacomo Brodolini e la media partnership de Il Sole 24 Ore.

Attitudine ed etica, aspettative di sicurezza, condizioni contrattuali, gestione dello stress organizzativo e della precarietà, disponibilità al cambiamento, al lifelong learning, alla flessibilità e allo smart working, familiarità con le nuove tecnologie. Alla luce dell’importanza che tali dinamiche stanno assumendo nel mondo del lavoro, la giornata di studio intende contribuire alla riflessione su questi temi, offrendo al contempo spunti pratici per affrontare la complessità dei cambiamenti in atto.

I relatori illustreranno le politiche di gestione del personale della Fondazione Bruno Kessler e della Provincia autonoma di Trento e, grazie agli interventi di alcuni tra i maggiori esperti in materia, si cercherà di comprendere e dare un contributo per la gestione del fenomeno dell’invecchiamento(ageing) nei luoghi di lavoro.

Fabio Sgaragli, della Fondazione Giacomo Brodolini, aprirà i lavori introducendo il quadro di generale cambiamento con il quale le organizzazioni sono costrette a misurarsi.

La sociologa Chiara Saraceno – esperta di welfare e conciliazione famiglia-lavoro, politiche e mutamenti familiari – analizzerà opportunità e vincoli del “generation mix”. Nella sua ultima pubblicazione “Il lavoro non basta” la studiosa ha analizzato la difficile situazione economico-sociale nell’Europa della crisi globale, in cui lavoro e welfare sembrano non essere più sufficienti a contenere crescenti disuguaglianze e povertà.

Giovanni Vitale e Marco Crescimbeni, dell’Associazione italiana direzione del personale, sposteranno poi l’attenzione sul prolungamento della vita lavorativa e sulle conseguenti dinamiche per la gestione delle risorse umane, in particolare nelle Pubbliche Amministrazioni.

Alessandro Dalla Torre, responsabile del Servizio personale di FBK, e Barbara De Micheli(Fondazione Giacomo Brodolini) illustreranno le esperienze e le politiche di valorizzazione delle risorse umane di FBK; il piano strategico del capitale umano della Provincia autonoma di Trento sarà al centro delle relazioni di Luca Comper (PAT) e Stefania Allegretti (PAT), mentre il segretario della Cgil del Trentino, Franco Ianeselli, porrà l’accento sui possibili scenari della contrattazione collettiva.

Modera il convegno Valentina Chizzola, ricercatrice specializzata nel Diversity Management e responsabile del progetto Work Ability and Ageing in FBK.

Foto: Circolo dei Lettori

Comments

comments