COOPERAZIONE TRENTINA: UN NUOVO INVESTIMENTO PUBBLICO IN STILE “ALBERE”?

0
30

Patrimonio del Trentino, per conto della Provincia, e Piedicastello spa, per conto della Federazione delle coop hanno firmato il nuovo atto di permuta per l’area ex Italcementi.

“E’ una storia che ha avuto inizio nel 2011, quando la Provincia ha impostato la trattativa per la permuta e che già allora aveva suscitato motivo di domande su come si era arrivati a una stima di 30 milioni di euro per un’area decentrata rispetto al contesto urbano, qual è appunto l’area di proprietà della Cooperazione ed a una contemporanea sottostima dei beni di proprietà della Provincia oggetto di scambio – scrive l’Onorevole Giacomo Bezzi, di Forza Italia – Nonostante ciò la Provincia è andata avanti con le trattative e rispetto al primo accordo, quello appunto del 30 dicembre 2011, il conguaglio monetario a favore della Cooperazione sarebbe aumentato, fino ad una cifra che si aggira sopra agli 8 milioni, importo “non indifferente” che guarda caso favorisce nuovamente la Cooperazione trentina.”

Ma l’aumento dei costi non si ferma mai, e con gli anni la cifra è andata via, via espandendosi, arrivando a quella attuale: “Se con il primo accordo il conguaglio da elargire alla Cooperazione da parte della Provincia doveva aggirarsi circa sui 6 milioni – spiega Bezzi – si era poi arrivati ad una seconda proposta che prevedeva un esborso ribassato a circa 5 milioni, pertanto più vantaggioso per le casse provinciali. Arriviamo ai giorni nostri per venire a sapere che con il nuovo atto di permuta la Provincia dovrà versare un importo che appare lievitato e di molto. Sempre secondo quanto riportato dalla stampa, al pacchetto dei due palazzi – l’ex rettorato di via Belenzani (11 milioni) e il palazzo di via Aconcio (9,5 milioni) la Provincia aggiunge, i parcheggi dell’area ex Dogana (350 mila euro), per arrivare ai 30 milioni, mancano, appunto, abbondanti 8 milioni che verranno versati in contanti”. Un’ammontare spaventoso, che copre senza dubbio parte del vantaggio di investire nel lavoro cooperativo della Federazione Trentina.

Comments

comments