E’ iniziata la Rivoluzione del Cambiamento. Anzi la Restaurazione

0
414

Abbiamo assistito a una rivoluzione, anzi a una Restaurazione. Con la nascita del Governo Conte appare evidente che ci troviamo di fronte alla nascita della Terza Repubblica che, nei fatti, è ritorno parziale alla Prima che tanto ha dato a noi italiani in termini di progresso e crescita economica. Unica pecca gli ultimi giorni di nervosismo, giorni che hanno lasciato anche delle vittime, ovvero coloro che sono stati denunciati per oltraggio al Presidente della Repubblica. Si spera che vi sia un atto di clemenza da parte di Sergio Mattarella, uomo di grande sensibilità e che la questione si possa concludere pacificamente.

Il 4 marzo è accaduto qualcosa di importante in Italia. Sono cambiate le logiche partitocratiche conosciute da tutti noi per 20 anni e si è rilanciato quel concetto di idea politica che aveva reso grande l’Italia. “Dopo avere denudato la casta questo era il nostro obiettivo più importante: un paese che tornasse a porsi i temi che contano per il suo futuro”, ha affermato Beppe Grillo, padre nobile della Terza Repubblica, anzi della Restaurazione. Senza le sue idee, assieme a quelle di Gian Roberto Casaleggio saremmo ancora a basarci sul singolo individuo e non sui progetti. I partiti che si asterranno o voteranno la sfiducia sono inoltre cambiati. Quelli che ruotano solamente intorno alla figura di un leader sono rimasti svuotati, altri, quale per esempio Fratelli d’Italia, hanno portato alla luce tutta una serie di politici che ora avranno il duro compito di riportare le idee nelle sedi con costanza e voglia di fare. Le basi per un’ottima partenza vi sono e ciò è merito anche del Rosatellum, che ha permesso a molti italiani di entrare in stretto contatto con i loro rappresentanti al Parlamento, o cittadini secondo il linguaggio pentastellato, dopo tanti anni di distacco tra politica e società.

Questo Governo era l’unico possibile e quello che meglio rappresenta la richiesta di cambiamento voluta dalla maggioranza degli italiani. La Terza Repubblica nasce così, oggi, come epilogo di una gestazione traumatica e violenta. Sara’ solo il tempo a dirci se e come questo nuovo Governo saprà condurre l’Italia fuori da una crisi devastante che passa, necessariamente, attraverso un cambiamento ideologico ed un’Europa meno austera.

Buona fortuna Italia.