15 ragioni per sostenere la Siria di Assad

E dopo l'ultimo rischio di una nuova guerra, mossa dalle accuse ad Assad riguardo l'uso delle armi chimiche utilizzate lo scorso 7 aprile - pur tuttavia non avendone prove certe, come per le precedenti accuse a lui rivolte - ecco perché è importante tenere a mente ben 15 ragioni per sostenere la Siria di Assad.

0
6636

Nelle ultime ore la crisi siriana sta nuovamente degenerando. Da un paio di giorni a questa parte, infatti, è tornata a farsi pressante su tutti i media nazionali e internazionali la questione del conflitto siriano.

La guerra, che si sta combattendo nel Paese più progressista dell’area mediorientale, dal 2011 – nel più ampio contesto della primavera araba – è con il tempo degenerata, causando danni per la popolazione e per la stabilità di tutta l’area; quest’ultima dominata, come spesso accade in questi casi, da ingerenze da parte del mondo occidentale “portatore di pace e democrazia”.

E dopo l’ultimo rischio di una nuova guerra, mossa dalle accuse ad Assad riguardo l’uso delle armi chimiche utilizzate lo scorso 7 aprile nell’attacco a Douma – pur tuttavia non avendone prove certe, come per le precedenti accuse a lui rivolte – da parte delle organizzazioni internazionali, ora la situazione sembra essere tornata più critica che mai.

Non tutti sanno però che la Siria ha avuto una apertura alla società e alla cultura occidentale come nessun altro paese arabo. Tant’è che fino a prima della guerra civile del 2011, l’Italia ha stretto molti accordi di collaborazione con la Siria.

Ecco perché vi sono attualmente ben 15 ragioni per sostenere la Siria di Assad:

1. La Siria ha un’apertura alla società e alla cultura occidentale come nessun altro paese arabo.

2. La Siria è l’unico paese arabo con una costituzione laica. La legge islamica è incostituzionale.

3. Prima del 2011, la Siria era l’unico paese della regione senza guerre o conflitti interni.

4. La Siria è l’unico paese che ha ammesso i rifugiati iracheni senza nessuna discriminazione politica, religiosa o sociale

5. La famiglia del presidente siriano Bashar corrente Al Assad appartiene agli alawiti, ramo dell’Islam sciita

6. Ci sono stati cinque papi di origine siriana. La tolleranza religiosa è unica nella zona .

7. Circa il 10% della popolazione siriana appartiene ad una delle molte denominazioni cristiane. In altri paesi arabi, la popolazione cristiana è inferiore all’1%.

8. In Siria, le donne non hanno l’obbligo di coprirsi il volto con un velo, il burqa o indossare chador

9. Le donne siriane hanno gli stessi diritti degli uomini in materia di salute e istruzione.

10. La Siria è l’unico paese del Mediterraneo che ancora possiede la compagnia petrolifera, il governo del paese non ha voluto privatizzarla.

11. La Siria ha riserve di petrolio per 2.500 milioni di barili, il cui sfruttamento è riservato alle imprese statali.

12. La Siria è l’unico paese arabo che non ha debiti con il Fondo monetario internazionale.

13. Fino a prima della guerra civile del 2011, l’Italia ha stretto molti accordi di collaborazione con la Siria.

14. In occasione della visita in Siria nel 2010, Napolitano elogiava Assad e sua moglie per aver reso la Siria un paese civile, laico, tollerante e rispettoso delle minoranze.

15. Anche Papa Benedetto XV, nel suo discorso all’ambasciatore siriano presso la Santa Sede, ha definito la Siria come un esempio unico al mondo “di pacifica coesistenza e tolleranza tra i seguaci di diverse religioni”.