50 anni dopo Jan Palach un uomo si da fuoco a Praga

Un uomo ha tentato di uccidersi dandosi fuoco in Piazza Venceslao a Praga. Proprio come lo studente Jan Palach, ormai simbolo di chi crede nella libertà dell’individuo e dei popoli che, il 19 gennaio di 50 anni fa, per protestare contro l’invasione sovietica si dette fuoco come segno di protesta e di disperazione contro la censura comunista e l’occupazione sovietica della Cecoslovacchia.

Per la polizia di Praga, “secondo le prime informazioni, l’uomo, nato nel 1964, verso le 15 si è cosparso con un materiale infiammabile e si è dato fuoco”. L’uomo, che è rimasto ustionato per il 30% del corpo, è stato trasportato all’ospedale dopo che i passanti hanno cercato in tutti i modi di spegnere le fiamme. L’uomo, ha riportato gravi ustioni alla testa e alle mani e attualmente è sotto coma artificiale.

Le ragioni della protesta e l’identità dell’uomo rimangono ad ora ignote.