Il trasformismo del M5S secondo Borghezio: “Da euroscettici a euroleccac…”

Incredibile, ma vero. “La delegazione del M5S al Parlamento Europeo – stando a quanto riporta l’europarlamentare della Lega Borghezio – oggi ha votato a favore, nei 100% dei casi, per l’approvazione del c.d. ‘discarico di bilancio’ di tutti gli enti inutili (o quasi), cioè dei carrozzoni che l’Unione Europea mantiene a spese dei contribuenti”.

La notizia viene data dall’eurodeputato a poche ore di distanza da quella che, grazie ad un giornalista de “Il Foglio”, ha scoperto come il M5S, “tra inizio febbraio e i primi di marzo, abbia cambiato radicalmente i programmi su tutta una serie di questioni in cui il movimento ha assunto posizioni più moderate. Nato, Medio Oriente, Russia, euro, lavoro” (notizia poi parzialmente smentita sul blog delle Stelle).

Ora, secondo l’europarlamentare leghista, “questo voto rappresenta un cambiamento a 180° della posizione del Movimento, in contraddizione con la linea coerentemente contraria agli sprechi e al gigantismo burocratico dell’Europa di Bruxelles”.

“Mi dispiace molto dovere constatare questo vero e proprio tradimento  delle posizioni finora assunte, – aggiunge con rammarico Borghezio – in coerenza con il sentire di milioni e milioni di elettori “grillini” che su questi sprechi e su questi carrozzoni hanno probabilmente le idee più chiare di certi dirigenti politici”.

“Inutile dire – ha concluso – che la delegazione leghista è stata non solo compatta come sempre, ma coerente nel suo voto limpido e chiaro: un no su ciascuno e su tutti i voti di cui sopra”. m5s m5s m5s