ACAV in prima linea per l’educazione dei bambini rifugiati in Uganda

Il numero di rifugiati sud sudanesi arrivati in Uganda supera ormai un milione (UNHCR- agosto 2017). Rhino Camp si trova nel West Nile, zona in cui ACAV lavora da più di trent’anni, ed è uno dei cinque campi profughi più grandi dell’Uganda e accoglie circa 120mila persone. La maggior parte delle persone che arrivano sono donne e bambini, alla ricerca di un posto migliore, lontano dalla guerra e dalla carestia.

ACAV, grazie al sostegno della Fondazione San Zeno, inizia l’1 marzo a Rhino Camp il progetto “AFRICARE”che ha come fine la scolarizzazione primaria dei bambini e delle bambine e la formazione professionale dei ragazzi provenienti dal Sud Sudan, scappati dalla guerra.

Un’indagine svolta l’estate scorsa dimostra infatti che circa 7200 bambini non hanno accesso a un livello minimo di educazione primaria. Le strutture scolastiche presenti sono poche e senza i servizi necessari all’educazione come libri di testo e laboratori. Anche gli insegnanti sono insufficienti. Un’alta percentuale di bambini lasciano la scuola a causa della distanza del campo profughi dalle scuole o per l’impossibilità ad acquistare materiali scolastici, uniformi ecc.

Il fenomeno della non frequenza scolastica dei più piccoli all’interno dei campi per rifugiati è diffuso e visibile e rappresenta un grave disagio in grado di segnare negativamente e per tutta la vita i bambini che ne sono coinvolti.

ACAV vuole rispondere in modo efficace al bisogno di migliorare l’accesso all’educazione primaria dei bambini e delle bambine ed aumentare l’accesso alla formazione professionale dei ragazzi ospitati a Rhino Camp.

Il progetto prevede infatti, la costruzione di 4 nuove strutture scolastiche che permetteranno l’integrazione scolastica di 800 bambini. 275 ragazzi riceveranno un’educazione professionale, un corso di apprendistato e un kit di avviamento al lavoro. Infine, verranno anche realizzati dei corsi di aggiornamento per 24 insegnanti e assistenti e per 1 preside e 1 vicepreside, che potranno esercitare al meglio la loro professione.

Malcom X diceva che «la scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo». ACAV è in prima linea per volere garantire un futuro migliore ai bambini e ragazzi sud sudanesi in Uganda.

Fondazione San Zeno, nata nel 1999 dalla volontà di Sandro Veronesi, presidente del gruppo Calzedonia, ha come obiettivo offrire opportunità concrete che migliorino la qualità dello studio, creino occasioni di formazione e possibilità di intraprendere un’attività lavorativa.