COREA DEL NORD: POSSIBILE TEST NUCLEARE DURANTE VISITA OBAMA

0
26

Torna a salire la tensione in Asia per un possibile test nucleare sotterraneo della Corea del Nord. Nelle scorse ore, infatti, i media sudcoreani hanno riportato la notizia di “vari segnali e molta attività presso il sito nordcoreano di Punggye-ri”, nella provincia di Hamgyong. Secondo il ministero della Difesa di Seoul, la Corea del Nord potrebbe avere intenzione di “compiere un test nucleare a sorpresa o fingere di farlo”.

La notizia giunge alla vigilia della visita del presidente Usa Barack Obama in Estremo Oriente. Infatti, dopo una visita di tre giorni in Giappone, venerdì prossimo Obama arriverà a Seoul, seconda tappa del suo tour diplomatico in Asia.

La Corea del Sud ha attivato una speciale task-force per rilevare un eventuale test nucleare sotterraneo da parte del regime di Pyongyang. Si tratterebbe del quarto esperimento del genere dopo quelli del 2006, 2009 e 2013. Tutti e tre i test non avevano l’autorizzazione della comunità internazionale. L’ultimo, quello del febbraio dello scorso anno, ha provocato una nuova stretta delle sanzioni a carico del Paese, che già vive in condizioni di estrema povertà. Seoul ha avvertito Pyongyang che con un altro test la comunità internazionale avrebbe preso “contromisure pesanti”.

“La Corea del Nord ha una storia fatta di azioni provocatorie e siamo sempre consapevoli della possibilità che potrebbe essercene una di questo tipo”, ha affermato il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney.

All’inizio di aprile Pyongyang ha minacciato di condurre un “nuovo tipo” di esperimento atomico, senza fornire dettagli, in segno di protesta contro le esercitazioni militari congiunte tra Seoul e Washington. Il viaggio di Obama, secondo il ministro degli Esteri nordcoreano, potrebbe far “degenerare il confronto e portare la corsa agli armamenti nucleari”.

Sul Rodong Sinmun, organo ufficiale del Partito dei lavoratori nordcoreani, la visita del presidente americano è stata definita “un atto reazionario e molto pericoloso, che porta le nubi scure della guerra nucleare”.

Citando un alto rappresentante del ministero nordcoreano degli Esteri, il giornale continua: “Gli Stati Uniti sono il Paese più aggressivo nei confronti della penisola Chosun (nome tradizionale della Corea unita) e continuano a minacciarci con continue esercitazioni militari”. Di conseguenza, “la politica della nostra Repubblica è chiara. Accelerare gli sforzi per ottenere strumenti di auto-difesa in grado di rispondere con decisione alle ostilità americane. Se gli Stati Uniti continueranno a minacciare il nostro profitto nazionale, allora avranno un risultano negativo anche per il loro regime”.

La Corea del Nord condurrà davvero un test nucleare? Per ora la comunità internazionale sta a guardare e anche gli Stati Uniti sembrano poco preoccupati. Eppure il presidente Obama a breve sarà a Seoul.

Marianna Di Piazza

Comments

comments