DER SPIEGEL: IL GOVERNO TEDESCO IPOTIZZA LA GRECIA FUORI DALL’EURO

0
48

Secondo quanto riportato dal settimanale di Amburgo Der Spiegel, la Germania avrebbe cambiato posizione riguardo ad una plausibile uscita della Grecia dall’Euro e sarebbe pronta ad accettarla. La cancelliera Angela Merkel e il ministro delle finanze Wolfgang Schauble hanno ipotizzato una Grexit nel caso in cui la sinistra radicale Syriza dovesse vincere le elezioni presidenziali anticipate al 25 gennaio 2015.

L’ipotesi nasce proprio dal fatto che, se effettivamente vincerà Syriza, il potere verrà rappresentato da Alexander Tsipras, leader della sinistra radicale e uno dei principali avversari dell’Europa di Merkel e Juncker. Tsipras intende infatti rinegoziare l’accordo di salvataggio con la Troika, la delegazione tripartita che si è occupata della questione inerente la crisi economica della Grecia, cancellando così una buona parte del debito pubblico greco. Ma se Syriza riuscisse a conquistare la vittoria, sarebbe poi in grado di impostare un buon governo con nemmeno il 30% dei voti (secondo i sondaggi condotti nel 2014) e scarsi presumibili alleati? I dati ci dimostrano, inoltre, quanto poco alla finanza mondiale sia gradita l’eventualità di una vittoria di Tsipras, infatti è bastata l’eventualità che andasse al voto perché i mercati peggiorassero.

“Qualsiasi cosa accadrà, il pericolo di contagio di una possibile Grexit sarà limitato”, scrive ancora Der Spiegel. Considerati i progressi fatti dall’Eurozona nella fase più acuta della crisi del 2012, i rischi per stati come il Portogallo e l’Irlanda sono limitati, poiché i due paesi sono stati “salvati” dagli aiuti Fmi e Ue. Inoltre bisogna aggiungere che il fondo di salvataggio dell’Eurozona è, a differenza di quello che era nel 2012, un adeguato e attivo sistema di recupero.

La rivista scrive, inoltre, che Schauble avrebbe esortato Atene a non abbandonare la politica di riforme e che le nuove elezioni non cambieranno gli accordi raggiunti con il governo greco, in quanto ogni governo deve rispettare gli accordi stipulati durante quello precedente.

Per ora Angela Merkel smentisce le anticipazioni che la rivista tedesca avrebbe ottenuto da fonti provenienti dall’entourage della cancelliera.

Di cosa si è trattato dunque? La Germania ha effettivamente il potere di decidere se uno stato può uscire dall’euro? Si tratta solo di pressioni all’opinione pubblica greca per cercare di vincolare Syriza ai patti internazionali? Chissà cosa succederà.

Francesca Lavagna

Comments

comments