Donald Trump promette di rilanciare l’economia italiana

Invito tutti a investire in Italia“, con queste parole che il Presidente Donald Trump, al termine dell’incontro tenutosi con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ha incentivato gli investitori statunitensi a puntare sull’economia italiana. Un incontro andato ben oltre le più rosee previsioni, con il Presidente statunitense, noto per le sue posizioni protezioniste, propositivo nei confronti della nostra economia.

Nel suo discorso Trump ho voluto anche rimarcare il fatto che l’attuale governo italiano è vicino a quello statunitense e Italia e Stati Uniti condividono la politica del cambiamento.  La frase sugli investimenti in Italia è una frase che ha un importante significato.

A partire dal 2011 negli Stati Uniti vi erano stati molti soggetti che avevano disincentivato dal compiere investimenti nel Bel Paese a causa della delicata situazione economica. L’inversione di tendenza imposta dal Presidente Trump si pone quindi in netto contrasto con quanto avvenuto nel passato e volta ad aiutare nostro paese ad uscire da una crisi economica che dura ormai da troppo tempo e che stata troppo spesso oggetto di speculazione.

La questione libica è stata oggetto di ampio confronto tra  tra Donald Trump e Giuseppe Conte a Washington. Il Primo Ministro italiano ha spiegato come la Casa Bianca appoggi l’organizzazione di una conferenza internazionale sulla Libia, a Roma, il prossimo autunno. Trump si è detto “D’accordo sul fatto che l’Italia diventi un punto di riferimento in Europa e il principale interlocutore… per quanto riguarda soprattutto la Libia”, ha spiegato Conte, che da questo punto di vista ha ottenuto dal presidente americano quello che desiderava: diventare per gli Stati Uniti il referente europeo privilegiato nei rapporti con Tripoli.