La NATO attacca la Siria. Intanto si scopre che il gas usato su Douma è tedesco

0
4636

L’attacco in Siria da parte della coalizione franco-statunitense getta un’inquietante ombra sul futuro della pace mondiale. La coalizione Usa-Francia-Uk con l’attacco in Siria dice di combattere il terrorismo, ma ha colpito obiettivi governativi dove presumibilmente ci sarebbero armi chimiche che non sono state trovate durante le ispezioni delle Nazioni Unite. Nessun obiettivo in mano ai terroristi è stato colpito.

“La ha scoperto nel quartier generale dei terroristi a “pacchetti di gas cloro” fabbricati in Germania, e utilizzati da e dal fronte , per avvelenare gli innocenti siriani e accusare il governo”, ha affermato Don Lazzara, esperto del Medio Oriente per il Vaticano.

Critico nei confronti dell’attacco alleato in Siria anche Matteo Salvini che ha affermato su Facebook: “Stanno ancora cercando le “armi chimiche” di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno col grilletto facile insiste coi “missili intelligenti”, aiutando peraltro i terroristi islamici quasi sconfitti. Pazzesco, fermatevi”.

Intanto le prime immagini che giungono da Damasco, mostrano una città che si è risvegliata senza particolari danni dovuti all’attacco alleato. Resta comunque il fatto che i corresponsabili di tale disastro che si sono macchiati le mani e la coscienza di sangue innocente, sono anche i colleghi giornalisti, che nell’ultima settimana hanno alimentato fake news, per dare il pretesto della guerra.