MEDICI SENZA FRONTIERE E LA DELICATA SITUAZIONE IN UCRAINA

0
35

Il 21 febbraio un’équipe di MSF è riuscita a raggiungere la città di Debaltseve, pesantemente colpita, dopo che settimane di intensi combattimenti hanno reso impossibile fornire assistenza umanitaria nella zona. MSF supporta l’ospedale in Debaltseve dal settembre 2014 e a gennaio ha inviato nuove scorte di medicinali.

“La città è distrutta”, dice Olivier Antonin, coordinatore per l’emergenza di MSF. “Le finestre delle case sono esplose per i bombardamenti, i rami degli alberi sparsi a terra, le linee elettriche tranciate e sospese al vento. Le persone che restano vivono in rifugi o negli scantinati degli edifici perché nelle case si gela. Non c’è elettricità, riscaldamento e acqua corrente in città. Quando siamo arrivati erano in stato di shock, chiedevano dove avrebbero potuto trovare medicinali e assistenza. Molti di loro hanno bisogno di farmaci per malattie croniche”.

I due ospedali della città sono stati danneggiati, uno reso inutilizzabile. In tutta la città sono rimasti solo tre medici, il responsabile medico dell’ospedale centrale e altri due che lavorano in una clinica situata al piano terra di un edificio sulla piazza principale. Anche se molti residenti sono fuggiti o sono stati evacuati, su una popolazione di 25.000 persone prima dei combattimenti, almeno 5.000 sono rimaste e molte di loro hanno urgente bisogno di cure mediche. L’équipe di MSF ha fornito materiale sanitario per il trattamento di feriti di guerra, medicinali e materiali medicali per l’assistenza sanitaria di base, forniture quali siringhe, cateteri e guanti. Un medico di MSF ha iniziato a fornire consultazioni mediche in città.

Le équipe di MSF stanno attualmente valutando la situazione intorno alla città di Gorlovka, dove un chirurgo ha fornito supporto all’Ospedale #2 durante il periodo più intenso dei bombardamenti, a gennaio. Un’équipe ha visitato Uglegorsk, a est di Gorlovka, il 25 febbraio, dove l’ospedale è stato bombardato. Due giorni dopo, ha inaugurato cliniche mobili e attività di salute mentale, e questa settimana distribuirà aiuti essenziali a 1000 famiglie in città e nei villaggi circostanti.

C’è grande necessità di assistenza sanitaria di base

MSF ha avviato cliniche mobili in 19 località nelle regioni di Donetsk e Luhansk per fornire assistenza sanitaria di base a persone che vivono in zone rurali o sono sfollati a causa del conflitto. Nelle sole prime tre settimane, i medici di MSF hanno effettuato oltre 1500 consultazioni, illustrando l’enorme necessità di assistenza sanitaria e medicinali in queste aree.

Vediamo soprattutto infezioni respiratorie, perché molte persone hanno vissuto in scantinati umidi, sovraffollati e non riscaldati”, spiega Zahir Muhammad Khan, medico di MSF a Svyatogorsk, città 100 chilometri a nord della linea del fronte. MSF gestisce una clinica mobile in quattro centri di cura a Svyatogorsk, dove si sono rifugiate più di 3000 persone in fuga dalla zona di conflitto, molti a causa dell’intensificazione dei combattimenti nel mese di gennaio.

Dalla scorsa estate le vie di accesso delle forniture mediche nell’est del paese sono state parzialmente o del tutto interrotte, mentre le strutture sanitarie situate in aree controllate dai ribelli sono state escluse dal bilancio sanitario del governo ucraino per il 2015. Così la gente si trova ora ad affrontare una grave carenza di medicinali. Le banche sono rimaste chiuse e le pensioni non sono state pagate per molti mesi, quindi le persone non si recano dal medico perché non possono permettersi il costo del trasporto o dei trattamenti. Il prezzo dei medicinali è aumentato in modo significativo e anche quelli di base, come gli antidolorifici, sono fuori dalla portata delle persone. I pazienti con malattie croniche sono i maggiormente colpiti mentre la maggior parte dei pazienti di MSF necessitano trattamenti per malattie cardiache, ipertensione, diabete o asma.

La situazione umanitaria è particolarmente allarmante nella regione di Luhansk, perché la carenza di medicinali e beni di prima necessità, compreso il cibo, è ancora più grave. La maggior parte delle persone che sono rimaste in Luhansk sono i più vulnerabili delle comunità – anziani, disabili e malati – che non sono potuti fuggire dal conflitto. Oltre a gestire le cliniche mobili nei centri di salute nelle aree rurali, l’équipe di MSF sta sostenendo anche strutture sociali, comprese case di cura per anziani, disabili, orfani, e con disturbi psichiatrici, fornendo consulenze, farmaci e materiali per l’igiene.

Da maggio 2014, le équipe di MSF hanno fornito materiale sanitario a circa 100 strutture su entrambi i lati del fronte a Donetsk, nelle regioni di Luhansk e Dnepropetrovsk, sufficienti a trattare più di 15.000 pazienti feriti, 1.600 donne incinte e 4.000 pazienti con malattie croniche. A gennaio 2015, MSF ha iniziato a fornire assistenza sanitaria di base attraverso cliniche mobili nelle aree rurali colpite da conflitti e alle persone sfollate a causa della guerra. Gli psicologi di MSF stanno fornendo assistenza psicologica alle persone coinvolte nel conflitto, attraverso 700 sessioni di consulenza individuali e 1.760 di gruppo. Gli psicologi di MSF stanno inoltre portando avanti un programma di formazione per gli psicologi locali, assistenti sociali e personale medico che lavorano in tutta la regione colpita. Nel frattempo prosegue il programma MSF per il trattamento della tubercolosi resistente ai farmaci all’interno del sistema penitenziario regionale a Donetsk, attivo dal 2011.

Comments

comments