“Nessuna imbarcazione di migranti partirà dalla Libia, se l’Italia chiuderà i porti”

0
8488

“Se le autorità italiane decidono di non accettare i migranti nei loro porti, questo scoraggerà i trafficanti, se i maltesi e gli italiani continueranno ad accettare migranti in arrivo dal mare, questo rappresenta per chi decide di intraprendere il viaggio un ingresso sicuro”, a dirlo, in un’intervista di Vanessa Tommasini, il comandante delle motovedette della Guardia Costiera libica, colonnello Abu Ajila Abdelbari.

La vicenda dell’Aquarius, ad avviso del colonnello libico, “scoraggerà moltissimo coloro che vogliono partire, sapendo che nessuno li accetterà anche se riescono ad arrivare. Se la sicurezza italiana chiuderà i porti, sono sicuro al 100% che nessuna imbarcazione carica di migranti partirà più da qui, dalla Libia all’Italia. Di certo, ripeto, la situazione della nave Acquarius va risolta, non può rimanere in mare…”.

L’ex Ministro Pinotti – secondo quanto riportato da Radio Cusano Campus, ha definito ‘ostaggi’ i migranti sulla nave Aquarius. “Non ho scelto casualmente questo termine –ha spiegato Pinotti-, perché ho guardato cosa è successo. Premetto che io non sottovaluto per nulla il carico di immigrazione che abbiamo avuto negli scorsi anni, capisco anche il peso che ha avuto nelle nostre comunità locali. E proprio per questo il nostro governo aveva impostato in modo serio una politica che teneva conto di mettere insieme una strategia per il Nord Africa, una politica di ricollocamenti e anche di rimpatri. In quello che è successo in questi giorni vediamo che la prova di forza fatta su una nave con più di 600 persone in condizioni di disagio e di difficoltà è stata una presa di posizione politica e non un modo di risolvere il problema, sta di fatto che due giorni dopo a Catania sono sbarcati circa mille migranti. Perciò quello che ho detto nel mio intervento al Senato è che si è presa una nave carica di disperati e la si è voluta usare simbolicamente per mostrare i muscoli e far vedere che si è forti. E se non ci fosse stata la disponibilità di Sanchez di accoglierli in Spagna cosa sarebbe successo? In tutto questo, il problema dell’immigrazione è sentitissimo in Italia e lo capisco, ma la soluzione è complessa. Noi avevamo impostato un lavoro che stava funzionando e ho voluto ricordare a Salvini che non bisogna buttar via quella strategia di lavoro serio con i Paesi del Nord Africa. Offendere la Tunisia su un accordo funzionante per quanto riguarda i rimpatri non è un modo per risolvere il problema dell’immigrazione. In Libia, nonostante le difficoltà del governo Sarraj, c’è stata una collaborazione. Con una strategia che tiene insieme queste cose, con le azioni eclatanti sulla pelle di bambini e donne incinta non si risolve nulla”.