Netanyahu: “L’Iran ha le conoscenze per costruire armi nucleari”

0
651

Il primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu ha rivelato che l’intelligence è in possesso degli archivi nucleari segreti iraniani, archivi che sembrerebbero dimostrare che l’Iran avesse un programma per lo sviluppo di armi nucleari.

“Sappiamo da anni che l’Iran ha un programma segreto di armi nucleari chiamato Project Amad”, ha continuato. Ora possiamo dimostrare che Project Amad era un programma completo per progettare, costruire e testare armi nucleari. Possiamo anche dimostrare che l’Iran sta segretamente conservando il materiale del Progetto Amad da utilizzare in un momento a sua scelta per sviluppare armi nucleari “.

Netanyahu ha rivelato che lo scopo del Progetto Amad era progettare, produrre e testare cinque testate nucleari, ciascuna con una resa esplosiva di 10 kilotoni di TNT, per l’integrazione con i missili balistici. “È come se 5 bombe a Hiroshima fossero lanciate su missili balistici”.

Ha inoltre rivelato che Project Amad aveva tutti e cinque gli elementi di un programma di armi nucleari, progettando armi nucleari, costruendo sistemi di implosione nucleare, preparando test nucleari e integrando armi nucleari con missili. Secondo Netanyahu, l’Iran ha accantonato il Progetto Amad sotto pressione internazionale nel 2003. “Ma non ha accantonato le sue ambizioni nucleari”.

“L’Iran ha escogitato un piano per fare due cose, in primo luogo per preservare il know-how nucleare dal Progetto Amad, e in secondo luogo, per sviluppare ulteriormente le sue capacità relative alle armi nucleari”.

Molti dello stesso personale hanno continuato a lavorare sul programma nucleare iraniano anche dopo aver accantonato il Progetto Amad. Netanyahu ha accusato l’Iran di continuare a mentire presso l’Agenzia internazionale per l’energia atomica in merito alle sue attività nucleari e alle loro applicazioni militari.

“L’accordo Iran [nucleare] si basa sulle menzogne, basato sulle bugie iraniane e sull’inganno iraniano”, ha affermato Netanyahu per poi dichiarare che “l’accordo sul nucleare dà all’Iran un chiaro percorso verso un arsenale atomico”.

Si è rivolto alla prossima decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sull’opportunità di rimanere nell’accordo nucleare iraniano o meno e ha detto che riteneva che Trump si sarebbe ritirato dall’accordo.

“Sono sicuro che farà la cosa giusta, la cosa giusta per gli Stati Uniti, la cosa giusta per Israele e la cosa giusta per la pace del mondo.”