Sull’Aquarius la Spagna avverte: “Italia potrebbe incorrere in responsabilità penale internazionale”

0
3382

La ministra della Giustizia spagnola Delgado, torna sul caso della nave che tanto in queste ore sta facendo discutere, avvertendo: “L’Italia potrebbe incorrere in responsabilità penale internazionale”.

La ministra della Giustizia spagnola, Dolores Delgado, l’ha dichiarato dopo che il ministro dell’Interno e vice Premier Matteo Salvini, nella giornata di domenica ha deciso, in accorso con il ministro penta stellato alle infrastrutture Toninelli, di chiudere i porti, rifiutando di accogliere la nave Aquarius con il chiaro interno di dare un forte messaggio a tutta l’Eurozona.

Occorre comunque ricordare che i 629 migranti, su nave che batte bandiera di Gibilterra, non erano in pericolo di vita e che quindi le procedure di soccorso – come più volte ricordato anche da vari esponenti politici – non sono state ostacolate in nessun modo, bensì agevolate grazie alle molteplici richieste (mai ascoltate dalle autorità maltensi e dalla nave Aquarius) di trasbordare donne e bambini su navi italiane per un loro approdo su terraferma in Italia. Inoltre, come ricordato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, sono state garantite immediatamente tutte le misure di sicurezza volte a garantire, grazie all’invio di squadre di medici e sanitari, oltre a rifornimenti e provviste, la salvaguardia delle persone a bordo. 

Tuttavia, rincara la ministra della giustizia spagnola: “Quella di queste 629 persone è una situazione critica, non è una questione di buonismo o di generosità, ma di responsabilità internazionale”, ha sottolineato Delgado.