Si ritorna a Tripoli. Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini è in partenza per la Libia, come programmato, lunedì mattina avrà una serie di colloqui con le autorità oltre Mediterraneo, il tema principale le migrazioni, ma anche la sicurezza e il terrorismo.

La Libia in questo momento non ha un interlocutore stabile, ma vi sono Favez e Serraj e il problema principale è che l’autorità imposta dalla UE non è riconosciuta sul territorio, comunque in realtà vi sono diverse possibilità da tenere in considerazione, ad esempio l’interlocutore Khalifa Haftar.

“La nostra è una missiva di aiuto al popolo libico, con ogni mezzo – ha detto Salvini – non daremo lezioni da fuori”. “I libici amano l’Italia e gli italiani, abbiamo interesse alla tranquillità e alla stabilità” della Libia.”

A conferma di ciò anche l’agenzia AdnKronos che riporta che il ministro dell’Interno Matteo Salvini sarà a Tripoli presumibilmente già nella giornata di domani domenica o al più tardi lunedì mattina per una serie di incontri al più alto livello con le autorità del governo libico sui temi dell’immigrazione e del sostegno italiano alla riorganizzazione delle forze di sicurezza libiche. Il ministro dell’Interno incontrerà la stampa lunedì alle 17.30 al Viminale ed è plausibile ipotizzare che in quella sede saranno illustrati i risultati della visita di Salvini in Libia.